dieci cose da vedere a napoli in un weekend

Dieci cose da vedere a Napoli in un weekend

Le cose da vedere a Napoli non sono dieci. Sono molte, ma proprio molte di più.
Delle mille promesse di Napoli te ne accorgi subito all’uscita della stazione. Quando, lasciandoti alle spalle il solito tran tran firmato Trenitalia e scandito da annunci di ritardo, rumore di binari, odore di caffè e passi veloci, ti ritrovi al centro di una grande piazza, nel cuore di una grande città, sotto un cielo azzurro brillante di fine estate. La forza dell’impatto è notevole. Avverti subito che tipo di vibrazione c’è qui: Napoli è vivace, si muove come un treno, parla a voce alta, ti scuote, ti ammicca e ti invita a seguirla. Anzi ti trascina. 

Napoli è proprio come l’avevo sempre immaginata. Viva, piena. Una delle città più difficili da descrivere, ha così tante personalità che è impossibile farne una sintesi. Visitare Napoli significa compiere un viaggio nell’essenza del sud e dell’Italia intera. 

Da una città così vai via con l’impressione di averne scoperto solo un pezzettino minuscolo. Di aver avuto tanto ma di aver tralasciato il meglio. Per cui al momento di ripartire sai già che dovrai tornare: le cose da vedere sono così tante che non ti basterebbe un libro per narrarle. O un mese per visitarle.

Perché Napoli è un’infinità di cose. Non è solo mille colori, non è solo mille voci. Non è solo la luce bianca del sole che batte fortissima sul lungomare, non è solo la sagoma del Vesuvio all’orizzonte.
Napoli non è solo la pizza più buona del mondo, non è solo il profumo forte di ogni panificio, e non è neanche l’elenco infinito di prelibatezze che avrei voluto assaggiare.
Non è solo il cuore vibrante di Spaccanapoli, le vie strette dei Quartieri Spagnoli o le piazze allegre delle comitive. Non è solo la maestria degli artigiani di San Gregorio Armeno o lo splendore luminoso delle chiese. Non è solo folklore, non è solo canti per strada, non è solo grida e risate.

Napoli è tutto questo e molto altro di più.
Napoli è mille essenze. “Vedi Napoli e poi muori”, si diceva. Adesso capisco perché.
Napoli è un’esperienza.

i cuori dei quartieri spagnoli tra le cose da vedere a napoli

ricordo di maradona e pino daniele tra le cose da vedere a napoli

In questa piccola (troppo piccola) guida vi racconto le prime dieci cose da vedere a Napoli che scoperto durante un weekend di fine settembre, in occasione della seconda reunion del pinkclub di blogger di The Girl with the Suitcase. Se nell’arco di tempo limitato di un weekend siamo riuscite a vedere così tante cose è merito di Carmela, book lover del pinkclub e napoletana doc, che ci ha guidato alla scoperta della sua città. E considerato che il centro storico di Napoli non è dei più semplici e neanche dei più piccoli da girare, aver avuto l’opportunità di esplorarlo con la guida appassionata di chi ci è nato e cresciuto ha rappresentato il vero valore aggiunto del nostro weekend insieme.

Cosa vedere a Napoli

Spaccanapoli

La strada che spacca Napoli centro in due. La strada dei giovani universitari, la strada delle piazze e delle chiacchiere, la strada dei bar, dei negozi e delle trattorie. Incontrerete tantissimi turisti; ma Spaccanapoli è soprattutto dei napoletani. Impossibile venire a Napoli e non passare da qui. Se volete conoscere e provare a capire questa città così poliedrica cominciate da Spaccanapoli, da una delle sue strade più antiche. Da una delle sue personalità più forti e rappresentative.

Tra le cose da vedere a napoli in un weekend c'è Spaccanapoli

le cose da vedere a napoli in un weekend sono tantissime

Il Complesso Monumentale di Santa Chiara

Un’altra delle cose da vedere a Napoli che raccomanderei a chiunque. Durante il nostro weekend napoletano, complici le bellissime giornate di sole e il poco tempo a disposizione, abbiamo vissuto molto le strade. Santa Chiara è uno dei pochi momenti “monumentali” che siamo riuscite a concederci.
Visitando il complesso spalancherete gli occhi soprattutto nel chiostro: merito delle preziose maioliche colorate che decorano le colonne così come le sedute (guai a sedervi, però) e le pareti. Un incanto.

il complesso di santa chiara rientra tra le cose da vedere a napoli

il chiostro di santa chiara tra le cose da vedere a napoli

le colonne in maiolica del chiostro di santa chiara tra le più belle cose da vedere a napoli

San Gregorio Armeno

San Gregorio Armeno è uno dei posti da visitare a Napoli che più vi resteranno impressi. Il luogo da cui passare e ripassare tutte le volte che se ne ha l’occasione.
Noi l’abbiamo attraversato nel tardo pomeriggio del sabato sera, quando il Napoli aveva già iniziato a giocare contro la Juve. Questo ha facilitato molto la nostra passeggiata: la piccola strada era semi deserta per i suoi soliti standard, abbiamo potuto scattare tutte le foto che volevamo ed entrare e uscire indisturbate dalle botteghe. Per me, San Gregorio Armeno, la via dei presepi, è uno dei luoghi tra quelli che ho visto più rappresentativi della maestria e dell’ingegno dei napoletani. Percorrendola vedrete sfilare una dopo l’altra una lunga fila di vetrine colme di casette di tutte le dimensioni, statuine, caricature di personaggi noti e meno noti, decorazioni di qualsiasi fantasia. Vere e proprie città in miniatura, realizzate con una precisione e una cura del dettaglio impressionanti. Nulla a che vedere con l’idea del classico presepe, ma molto, molto di più.

i personaggi di san gregorio armeno tra le cose da vedere a napoli

la via dei presepi tra le cose da vedere a napoli

Il lungomare di Napoli

Se mi chiedete consigli su cosa fare a Napoli io, da inguaribile amante del mare, non posso che suggerirvi una passeggiata al lungomare. Quello del capoluogo campano è uno dei più belli che abbia mai percorso. Sarà per la presenza forte, dominante, del Vesuvio subito di fronte. Sarà per l’eleganza degli edifici di via Partenope, che richiamano l’anima più nobile della città. Sarà per il profilo semplice e bellissimo di Castel dell’Ovo, il monumento che poggia sull’acqua e fa il bagno nel sole.
Se beccate la giornata giusta fate anche voi un bagno di sole passeggiando fino al lungomare Caracciolo. Prendete in faccia ogni raggio, respirate a fondo l’atmosfera gioiosa di questa città così unica. Non ne troverete molte altre simili.

il lungomare è una delle cose da vedere a napoli

Piazza Plebiscito

Stranissimo ritrovarsi in quella piazza grande, vista così tante volte in televisione. Piazza Plebiscito, la piazza della musica e del Festivalbar, come abbiamo ricordato assieme a Silvia di The Girl with the Suitcase poco prima di salutarci. Mentre, sedute sui gradini che conducono all’ingresso della Basilica Reale Pontificia san Francesco da Paola, osservavamo un gruppetto di bambini giocare a calcio proprio al centro della piazza. Perché non importa che si tratti della piazza più importante e famosa di una delle città più importanti e famose d’Italia: anche lei ha il dovere di trasformarsi in un mini campo da calcio improvvisato, se necessario. Specie se parliamo di un luogo che vive il calcio come fosse una religione.
Oltre a essere uno dei punti più belli della città di Napoli, piazza Plebiscito è anche uno dei più strategici per chi viene in visita qui per la prima volta. Il lungomare, il Maschio Angioino, il Teatro San Carlo e il quartiere elegante di Napoli distano pochissimo. E vicino la piazza c’è un’altra cosa che vi sorprenderà: l’elegantissima Galleria Umberto I. Ai milanesi dovrebbe risultare vagamente familiare.

piazza plebiscito è in assoluto tra le cose da vedere a napoli in un weekend

la galleria umberto I è tra le cose da vedere a napoli

Via Pignasecca

Come la nostra Carmela ha detto, sei vuoi carpire l’essenza di Napoli vieni a fare un giro in via Pignasecca. Ora, io credo che una città come Napoli abbia il cuore sufficientemente grande per custodire in profondità diverse essenze. Ma in effetti, se ce n’è una che accomuna Napoli ad altre città del sud (prime fra tutte quelle siciliane) è quella che ho trovato in via Pignasecca. La via delle bancarelle in cui trovi qualsiasi cosa, delle pescherie, degli edifici stanchi e datati. Quando durante un viaggio metti piede in un luogo come via Pignasecca a Napoli fai il pieno di vita. Della vita che quel posto ha da offrire.

via pignasecca è una via caratteristica ed è tra le cose da vedere a napoli

il mercato di pignasecca tra le cose da vedere a napoli

Via Toledo 

Via Toledo è, per la città partenopea, quello che la via Etnea rappresenta per Catania. Non è neanche necessario suggerire una passeggiata in via Toledo tra le cose da fare a Napoli: in un modo o nell’altro vi troverete di sicuro a percorrerla osservando le vetrine dei negozi, pasticcerie e rosticcerie in primis, e a fotografare le facciate dei bei palazzi e gli angoli caratteristici che la separano dai Quartieri Spagnoli. Chiunque vada a Napoli non può non percorrere almeno un tratto di questa strada centralissima dove, prima o poi, ci si incontra sempre.
Mi raccomando: una volta in via Toledo trovate l’occasione di prendere la metro. Il tratto più profondo della fermata corrispondente (Toledo), poco prima di accedere ai binari, custodisce quello spettacolo di luci e colori che avrete ammirato decine di volte in fotografia. Una foto ve la mostro anche io ma credetemi: dal vivo è tutta un’altra cosa. 

la centralissima via toledo tra le cose da vedere a napoli

tra le cose da vedere a napoli c'è la fermata metro toledo

Le vie dello shopping di Napoli 

Tra le cose da vedere a Napoli che Carmela ci ha tenuto a mostrarci ci sono due strade alle quali i napoletani sono particolarmente legati. La via Filangieri e la via Chiaia rappresentano il punto nevralgico della Napoli bene, il lato più elegante della città. Scorgerete palazzi bellissimi e curati, negozi di alta moda e firme di lusso, bar e locali raffinati. 

Ma voglio svelarvi una chicca, che non è immediatamente visibile. All’interno di uno dei palazzi più caratteristici di via Filangieri (lo noterete per la sua forma “bombata” alquanto peculiare) si trova una scalinata bellissima e resa celebre da alcune scene dell’ultimo film di Ozpetek (Napoli Velata). Con il permesso del custode andate a sbirciare (e a fare qualche scatto). 

bellissimi palazzi di via filangieri tra le cose da vedere a napoli

elegante via filangieri tra le cose da vedere a napoli

Dove mangiare a Napoli e cosa assaggiare

Dopo aver risposto alla domanda cosa visitare a Napoli chiedetevi anche cosa assaggiare. Ho come l’impressione che questa risposta sia lunga quanto la precedente. Credo valga lo stesso discorso che faccio sempre per la Sicilia: luoghi da visitare a Napoli ce ne saranno anche tanti, ma i piatti da provare non sono da meno. Per cui, se andate siate mentalmente pronti a ingrassare.

In due giorni, ovviamente, non ho potuto dare pieno sfogo a tutte le mie curiosità. Però mi sono presa l’immensa soddisfazione di assaggiare una delle pizze più buone del mondo, quella di Gino e Toto Sorbillo. Gli stessi ai quali in passato ho riempito la bacheca Instagram di likes, in attesa di poter prima o poi mettere piede nel locale e apprezzare dal vivo. La pizzeria si trova in via dei Tribunali, il numero civico non ve lo dico neanche, tanto la troverete facilmente: la lunga fila davanti all’ingresso vi svelerà l’esatta posizione. Prenotazioni non se ne prendono, per cui vi toccherà aspettare prima di accomodarvi (noi abbiamo aspettato un’ora ed era sabato sera). Ma non commettete l’errore di mollare il colpo, resistete: una pizza come quella non ve la dimenticherete mai più (anche se, a quanto mi si dice, a Napoli non si fa fatica a trovare pizzerie indimenticabili).

Altro posto che abbiamo provato, stavolta per il pranzo, è la super rustica Trattoria da Nennella, ai Quartieri Spagnoli. Anche qui ci è toccato attendere un po’ prima di entrare ma lo abbiamo fatto volentieri: se non avessimo dovuto fare la fila ci saremmo perse il simpaticissimo intrattenimento a suon di musica e balli offerto dallo staff. Una volta a tavola, ci siamo affidate al consiglio di Carmela, che si è rivelato azzeccatissimo: pasta, patate e provola, una ricetta semplice che si è trasformata in uno dei primi piatti più buoni che mi sia mai capitato di assaggiare.

Napoli è il primo posto in cui ho trovato una rosticceria simile a quella sicula. Timballi, pasticci, pane e rustici ripieni di ogni ben di dio catturano prepotentemente l’attenzione da qualsiasi angolo della strada. Questo perché, oltre a essere in bella vista dietro i banconi di bar e gastronomie, i rustici vengono esposti in bella vista anche per strada. Sotto gli occhi e il naso dei passanti. Capirete quindi come a Napoli sia facile ingrassare. Che siate di fretta o che possiate concedervi un lungo pasto a base di prelibatezze di questo tipo, L.u.i.s.e, bar rosticceria in via Toledo, saprà come accontentarvi.

E veniamo ai dolci, altro punto dolente (dolente solo perché non ho avuto il tempo di provare tutto quello che avrei voluto): per il mio assaggio di frolla, sfogliatella e mini pastiera mi sono affidata a La Sfogliatella Mary, minuscola pasticceria posta all’ingresso della Galleria Umberto I, che sforna ogni giorno quintali di dolcetti irresistibili. E a proposito di un dibattito molto sentito: voi siete più tipi da frolla o da sfogliatella riccia?

Dormire a Napoli

Nella scelta del B&b abbiamo tenuto conto soprattutto della posizione delle varie cose da vedere a Napoli che avevamo in programma di visitare e del poco tempo a disposizione per girare. E abbiamo avuto fortuna.
I nostri B&b si trovavano in via Monteoliveto, a due minuti a piedi dalla bellissima Piazza del Gesù Nuovo e del Complesso Monumentale di Santa Chiara. Posizione strategica anche per la vicinanza a via Toledo e Spaccanapoli. Una zona decisamente comoda per spostarsi a piedi e raggiungere tutto in breve tempo. Per cui, se avete in programma una vacanza a Napoli tenetela a mente quando prenoterete la vostra stanza. E se un piccolo sconto vi fa comodo utilizzate
questo link per prenotare.

il centro storico tra le cose da vedere a napoli

Non tutti lo sanno ma il weekend a Napoli per me è stato un ritorno alle origini. Sono nata infatti a una quarantina di chilometri più a sud, nel cuore della penisola sorrentina. In un piccolo paese orgogliosamente diviso tra mare, tracce angioine e quintali di pizza a metro.
Ma, appunto, in pochi lo sanno, e chi lo sa spesso non se lo ricorda. Persino la mia mamma a volte se ne dimentica, la mia famiglia ha vissuto lì per troppo poco tempo. E pensare che, a parte quei primi due anni di vita, non ero mai stata in Campania prima d’ora. Ci sono stata lo scorso mese, con ben 35 anni di ritardo. Ma non ne lascerò passare altrettanti prima di fare ritorno; le migliaia di cose da vedere a Napoli e dintorni che non ho ancora visto mi aspettano e conto di andare presto a prendermele.

 

Leggi anche

Tra mare e Barocco: cosa vedere a Catania
Visitare Verona in un giorno e a piedi
Cosa vedere a Bologna: itinerario del centro storico
Cosa fare a Milano in un weekend

No Comments

Post A Comment

Pin It on Pinterest

Share This