I colori d’inverno: un (altro) buon motivo per visitare il Friuli Venezia Giulia

Ed eccomi di nuovo qui con le mie esplorazioni natalizie a Nord Est.

Non so voi, ma quando devo scrivere un post le parti che mi risultano più difficoltose sono due: il titolo e le conclusioni.

Per le conclusioni, ora vedremo cosa mi inventerò. Per il titolo, almeno per questa volta, non ho dovuto fare grossi sforzi di inventiva: Friuli Venezia Giulia, terra dei colori.

Un titolo che è sorto spontaneamente. Se c’è una cosa, infatti, che mi ha colpito del Friuli Venezia Giulia sin dalla prima volta che ci ho messo piede è proprio la palette di toni naturali e non che mi trovo sempre davanti agli occhi (qualcosa ve l’avevo già svelata tempo fa qui). E ormai ho capito che questo vale per qualsiasi stagione, inverno compreso. Anzi, forse è anche grazie alle mie frequenti visite in questa regione se, da un po’ di tempo a questa parte, posso dire di aver scoperto l’inverno. Di aver finalmente cominciato ad apprezzarne la personalità e a scorgerne i colori. Perché, in una terra come il Friuli Venezia Giulia, l’inverno non porta con sé toni spenti ma accende la luce. E anche se gli alberi sono spogli, le temperature scendono sotto lo zero e il cielo è spesso coperto, quella che ci si trova davanti è un’esplosione di sfumature, più o meno al pari della primavera e dell’autunno. L’inverno non è più sbiadito delle altre stagioni, ha soltanto colori diversi.

E, durante le ultime vacanze di Natale, questa cosa mi è particolarmente balzata agli occhi.

sdr

Terra dei colori, si diceva. A partire da quelli che dominano i boschi sul Carso in un limpido pomeriggio dei primi giorni di gennaio. L’aria è fredda e il sole entro un’ora e mezza ci abbandonerà al buio. Bisogna quindi affrettarsi tra gli alberi e i cespugli lungo i pochi chilometri del percorso del Brestovec, l’ennesima testimonianza che la Grande Guerra ha lasciato da queste parti. In giro, a parte noi, non c’è nessuno e non si sente un fiato. Fatta eccezione per i versi di uccelli di specie non ben identificata che si fanno sentire dall’alto dei rami. E qui i colori sono il rosso della terra, il verde scurito delle foglie, il grigio delle trincee. Ci si passa attraverso, si cammina proprio dentro un labirinto lungo metri e metri di corridoi di pietra stretti e zigzaganti. Poi si esce dal labirinto; e c’è ancora il rosso della terra, il verde scurito delle foglie, la solitudine del bosco. E si arriva alla Cannoniera dove, nonostante il silenzio, questa volta una voce sembra di sentirla: è quella dei soldati che all’interno del bunker, tra un’installazione e l’altra, raccontano la loro battaglia. Fuori dalla Cannoniera, è già l’ora del tramonto: il rosso del cielo si fonde con quello del Carso. È l’ora in cui i raggi del sole si fanno più intensi sulla natura circostante.

sdr

sdr

Altra ambientazione, altri colori. L’aria intorno al lago di Cavazzo, in Carnia, è limpida, pulita. Sembra che nessuno l’abbia respirata prima; e anzi, in posti così, a me sembra di cominciare a respirare per la prima volta. Davanti agli occhi c’è natura e basta: le montagne che racchiudono il lago, il cielo azzurro leggermente velato, lo specchio d’acqua che si accende di toni trasparenti e che riflette tutto ciò che lo circonda. Pare quasi inconsistente.

Quel poco di artificiale e umano che c’è intorno adesso è vuoto, spento, inanimato; aspetta la bella stagione per riprendere vita.

dav

E poi, poco distante dal lago, ai piedi delle Prealpi Giulie che sembrano quasi sovrastarlo, c’è uno dei borghi più belli di Italia: Venzone. Un angolo medievale ricostruito dopo il terremoto. E qui non c’è solo l’azzurro velato del cielo e la tavolozza di colori tipici dei luoghi di montagna: c’è anche il viola della lavanda, uno dei temi ricorrenti tra le vie del piccolo paese, e il verde scuro di tetti e finestre. Ah, e poi, tanto per non farci mancare mai quel tocco di macabro a noi ultimamente tanto caro, a Venzone ci sono anche le Mummie (perdonatemi, ma al loro cospetto non me la sono sentita di tirare fuori la macchina fotografica).

dav

In giro non c’è quasi nessuno; le locande sono chiuse e gli unici usci aperti sono quelli delle botteghe di prodotti profumati. Eppure Venzone non ha l’aria di essere un paese fantasma, abbandonato. È semplicemente tutto per me. Mi godo le sue stradine bianche e la passeggiata che dalla piccola piazza con il Duomo e la Cripta conduce prima allo slargo del Municipio e poi al ponte sul torrente. Altro toccasana per i miei occhi.

sdr

sdr

Capirete come mai ogni volta che mi trovo in Friuli Venezia Giulia mi sembra di tornare bambina e prendo facilmente le sembianze di una giapponese pronta a scattare foto a ogni angolo. Fortuna che accanto a me ho una persona molto paziente che, oltre a essere un’ottima guida, sopporta le mie continue fermate.

20 Comments
  • Marco da Udine
    Posted at 14:14h, 27 gennaio Rispondi

    sempre interessante vedere luoghi conosciuti con gli occhi di altri:-)

  • Meridiano307
    Posted at 14:35h, 27 gennaio Rispondi

    Non sono mai stata in Friuli ed onestamente questa regione la conosco davvero poco. Dalle foto che hai scelto e dalle parole usate sembra veramente un posto incantato, ancora “puro”

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 14:37h, 27 gennaio Rispondi

      Sì, lo è. E’ proprio un’altra Italia. Te lo consiglio, è pieno di meraviglie (purtroppo non tutte molto conosciute) e riserva delle belle sorprese. E poi ha sia il mare e sia la montagna, che ci vuole di più?? 😀

      • Meridiano307
        Posted at 14:39h, 27 gennaio Rispondi

        Davvero..mare e montagna è proprio il top!

        • Alla fine di un viaggio
          Posted at 14:41h, 27 gennaio Rispondi

          Per non parlare delle città, che sono tutte belle (non ho ancora visto Pordenone), e dei borghi! 🙂

          • Meridiano307
            Posted at 14:42h, 27 gennaio

            Quanti posti fighi che abbiamo in Italia..

          • Alla fine di un viaggio
            Posted at 14:43h, 27 gennaio

            Sì, veramente, ci vogliono anni per scoprirli tutti!

  • Giulia
    Posted at 16:39h, 27 gennaio Rispondi

    Ma che meraviglia, l’Italia è davvero il posto più bello del mondo! (Non sono campanilista, nooooo :D)

  • Alessia
    Posted at 13:22h, 28 gennaio Rispondi

    splendido articolo e foto. e che colori! ho lasciato gli occhi su quella bici lillà 🙂

  • marcotambo
    Posted at 18:14h, 28 gennaio Rispondi

    Mi piacerebbe tantissimo visitare il Friuli, di cui non so praticamente nulla. È una delle (tante) aree italiane che mi mancano, e che mi pento di non conoscere. Interessante il percorso del Brestove, da amante della storia non me lo lascerei scappare!

    A Venzone scatterei centinaia di foto: sembra proprio il classico borgo dove scatenare la mia insta-pazzia. Ho deciso, un buon travel-proposito del 2017 sarà andare in Friuli! 🙂

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 20:03h, 28 gennaio Rispondi

      Ciao Marco! Guarda, fino a qualche anno fa anche io non ero mai stata in Friuli Venezia Giulia e non potevo immaginare che ci fossero così tante cose da vedere. Se ami la storia resterai soddisfatto dalla gran quantità di monumenti, sacrari, percorsi storici che ci sono; è una regione che “emana” passato e fascino da ogni angolo. Per non parlare della straordinaria natura incontaminata! 🙂 So che è un territorio che in pochi conoscono e sono contenta, nel mio piccolo, di poterne dare visibilità con il blog. Vacci, te lo consiglio vivamente!

  • iviaggidiqueena
    Posted at 18:45h, 03 febbraio Rispondi

    Ciao da friulana Doc ti ringrazio per questo post !
    Il Friuli e’ stupendo peccato che noi friulani non sappiamo sfruttare ciò che abbiamo , ma forse è anche questo che la rende una regione bellissima , perché non trovi L’ammasso di turisti ma solo natura incontaminata , storia e bella gente 🙂
    Sicuramente farò un post sulla mia regione , se vuoi passare nel mio picccolo blog ne sarei felice

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 11:38h, 04 febbraio Rispondi

      Che bello, grazie! Aspetto allora di leggere il tuo post, il FVG si merita tanta visibilità 🙂

  • Dove andare a Pasqua | Alla fine di un viaggio
    Posted at 12:44h, 08 marzo Rispondi

    […] così tante volte che non so neanche quali link inserire. Credo che un’occhiata a questo e a quest’altro possano rendere […]

  • Cosa vedere in Slovenia: qualche idea | Alla fine di un viaggio
    Posted at 12:56h, 05 maggio Rispondi

    […] prosecuzione del Friuli Venezia Giulia: stessa natura che troneggia indisturbata su tutto il resto, stessi colori, stesso profumo di primavera 12 mesi l’anno. Un paese piccolo piccolo che riserva un numero […]

  • Cosa vedere in Friuli Venezia Giulia: Trieste e Gorizia | Alla fine di un viaggio
    Posted at 16:36h, 20 giugno Rispondi

    […] che varca i confini, accomuna popoli diversi e lascia pezzi di memoria ovunque: da qui decine di sentieri sul Carso, trincee, memoriali, monumenti ai caduti di nazionalità dell’est, del nord e dell’ovest […]

  • Da fare in Friuli Venezia Giulia: una gita ai laghi di Fusine e a Monte Santo di Lussari | Alla fine di un viaggio
    Posted at 15:54h, 17 luglio Rispondi

    […] valle, invece, ritroviamo il sole. E con lui tutti i colori di questa porzione di Italia che i miei occhi reclamano ogni pochi mesi. È questa per me la vera […]

Post A Comment

Pin It on Pinterest

Share This