Laguna di Grado città

Visitare Grado città tra calli e laguna

Grado città: i più la scelgono in estate per gli stabilimenti balneari e le sue spiagge chilometriche di sabbia sottile. Alcuni, invece, la scelgono per i numerosi benefici derivanti dalle cure proposte nei suoi centri termali. Parecchi (austriaci e tedeschi soprattutto) li vedi sorseggiare un bicchiere di vino nella zona pedonale che circonda il porto canale, lì dove fioccano le gelaterie, i ristoranti per turisti, i negozi di parei e cappelli di paglia e quelli di souvenir.
Siamo in Friuli Venezia Giulia, a circa 150 km da Venezia, in quella porzione della provincia di Gorizia che, assieme all’ultima estremità d’Italia e all’Istria, condivide le acque blu del Golfo di Trieste.

Porto canale di Grado città

Cosa vedere a Grado città: il centro storico

Io, invece, Grado la scelgo per la sua città vecchia. Alla domanda “Cosa ti piace di Grado?” non indico tanto la spiaggia o le riserve naturali, quanto i vicoli e gli angoli del centro, definito, proprio in virtù del suo aggrovigliarsi di calli, un centro alla veneziana.
Ecco, quindi, se vi siete mai chiesti: “Ma cosa vado a fare e a vedere a Grado città?” la risposta che vi do io è questa: andate a perdervi per le strade del suo centro.
Passeggiate tra quelle vecchie case che nascondono piccoli cortili fioriti. Osservate il volto di quegli edifici decadenti e passateci in mezzo anche quando dallo spazio che li separa passerebbe solo un capello.
E se vi capiterà di aver voglia di fotografare persino qualcosa sul quale solitamente non riporreste un briciolo della vostra attenzione fotografica come il dehor di un ristorante non temete: l’ho fatto anche io. Ho fotografato le trattorie che, con i loro tavoli, occupano il poco spazio contenuto in piccole piazzette semi nascoste. Lì dove sembra che ogni elemento sia nato assieme a tutti gli altri, i palazzi, la piazza e i tavoli.  

Calli di Grado città

Grado città vecchia

Piazza di Grado città

Nel centro storico di Grado, dove tutto si ripete, saranno i particolari improvvisi e inusuali ad affascinarvi: le bici appoggiate agli usci, i capi stesi a prendere aria, i vasi di fiori che decorano porte e finestre.
Mi colpisce sempre il contrasto che si osserva tra le stradine della città vecchia, che a tratti sembra veramente vecchia assai, e i turisti che le attraversano. Non so bene se sia un impatto positivo o negativo, ma sicuramente d’impatto si tratta.

La laguna di Grado città

A pensarci bene, c’è un’altra cosa che in questi anni ho scoperto che mi piace fare a Grado. Ed è una banalissima passeggiata sul lungomare Nazario Sauro. Non in estate, però. E neanche in primavera. Amo farlo in inverno. Con il sole leggero che, quando c’è, fa finta di scaldare il cemento. Quando siamo in pochi a incontrarci lungo la stessa via. Quando il mare è solamente dei pescatori e di chi ci campa. E tu puoi osservarli mentre si allontanano e affondano i piedi nella sabbia color bronzo.
Ecco, in momenti come questi la laguna di Grado città acquista un fascino potente, con il mare che c’è e non c’è e sembra possa scomparire sotto la terra da un momento all’altro. E il suo colore non riesci neanche ad afferrarlo, tanto forte è il riflesso della luce e tanto è bassa l’acqua. In compenso, però, se la giornata è chiara puoi spingere lo sguardo fino alla costa istriana.

 

 

Leggi anche

Cosa vedere in Friuli Venezia Giulia: piccolo itinerario

Cosa vedere a Trieste

Da fare in Friuli Venezia Giulia: una gita ai laghi di Fusine e a Monte Santo di Lussari

9 Comments
  • Rivogliolabarbie
    Posted at 11:28h, 22 luglio Rispondi

    Anche noi vivendo a Rimini amiamo il mare, soprattutto in inverno. In estate dobbiamo fare la levataccia per godercelo in santa pace e non sempre il mio essere gufo interiore va d’accordo con la sveglia….Ti dà una sensazione di pace che nessun altro luogo riesce a trasmetterti e anche se non abbiamo il mare di Sicilia o Puglia, le emozioni sono sempre forti!
    Grado credo di averla visitata in gita scolastica quindi facendo un rapido calcolo …. no, meglio non fare calcoli, mi basta pensare che sono troppi anni e che dovrei proprio tornarci perché ovviamente nella mia mente c’è un buco nero!
    Erica

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 13:07h, 22 luglio Rispondi

      Eheheheheh lasciamo perdere i conteggi dell’età ?? Il mare di inverno è potente, ha un fascino fortissimo. Ha molta più personalità del mare dei mesi estivi, secondo me. Ti parla di più

  • iviaggidiqueena
    Posted at 11:08h, 25 luglio Rispondi

    Leggere gli articoli sulle mie zone e’ sempre un piacere .. Da piccola i miei mi portavano sempre a Grado per via delle cure termali poi crescendo hanno preso il sopravvento zone più “giovanili” come Lignano e Bibione , però grado e’ proprio bella da visitare. Il mio viaggio tipo a Grado?? Prima tappa Aquileia seconda tappa mare!!!!

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 11:25h, 25 luglio Rispondi

      Bellissima anche Aquileia! Tutta la zona è bella, anzi tutta la regione… Ma io sono un po’ di parte, avendo il fidanzato di Monfalcone 😀 E’ una fortuna poter andare in FVG diverse volte l’anno, è una regione rilassante, mi consente sempre di staccare la spina (oltre che di vedere posti bellissimi).

  • ogniviaggiounassaggio
    Posted at 23:30h, 29 agosto Rispondi

    Grazie perché mi hai fatto scoprire un posto che non conoscevo e soprattutto hai fatto nascere in me la curiosità di passeggiare per quei vicoli! ?

  • Pietrolley
    Posted at 12:59h, 02 marzo Rispondi

    Non conosco minimamente il Friuli purtroppo.
    Anche io adoro perdermi nei quartieri più antichi e caratteristici delle città, e Grado sembra proprio un posto bellissimo!

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 13:12h, 02 marzo Rispondi

      dai, allora, pensaci per il prossimo viaggio!
      Il FVG è un posto bellissimo, ci sono una valanga di cose da vedere! E se vai in estate puoi farti pure un bel bagno al mare 🙂

Post A Comment

Pin It on Pinterest

Share This