Organizzare una vacanza in Sicilia

Come organizzare una vacanza in Sicilia (con i consigli di una siciliana)

 

 

L’idea di un post che dia qualche consiglio a chi è in procinto di organizzare una vacanza in Sicilia mi è scattata in mente durante una delle mie permanenze a Catania che, oltre a essere la mia città d’origine, è spesso fonte di ispirazione per i testi del blog. L’idea era inoltre supportata dal fatto che molto spesso amici, conoscenti e lettori fedeli di Alla fine di un viaggio mi chiedono informazioni su cosa visitare e quando è meglio partire per un viaggio in Sicilia. 
E allora, per questa volta metto da parte romanticismi e malinconie che solitamente mi colgono quando parlo della mia terra per proporvi un post ricco di informazioni pratiche (e spero utili), augurandomi che la mia splendida isola vi rimanga nel cuore e il viaggio alla sua scoperta diventi un’esperienza indimenticabile.

Vacanza in Sicilia nella costa nord a Scodello

I periodi migliori per una vacanza in Sicilia

Se non andate con l’unico obiettivo di abbronzarvi per diventare color della pece e fare centinaia di bagni al mare in poche settimane, in vacanza in Sicilia potete andarci in qualunque periodo dell’anno. Certo, potendo scegliere escluderei l’inverno, visto e considerato che negli ultimi anni i mesi invernali sono stati parecchio piovosi (e molte strade si allagano di brutto).
Ormai mi concedo permanenze lunghe in Sicilia solo ad agosto, in concomitanza con le ferie. E non è il massimo, vi avviso. Cioè per me va bene uguale, perché tanto torno a casa e del pienone estivo non me ne frega granché, ma per un turista che vuole visitare la Sicilia per la prima volta è sicuramente diverso. 
Per cui, se riuscite, programmate il vostro viaggio in un periodo che non coincida con quello dell’altissima stagione, altrimenti rischiate di non godervelo come merita. 
Ad agosto le spiagge (e le strade) sono iperaffollate, al mare si fa fatica a trovare un po’ di spazio (e di relax) e i prezzi sono più alti. Per non parlare della settimana di Ferragosto dove, quasi ovunque, regna il caos più totale (anche se, in effetti, festeggiare la notte di Ferragosto facendo baldoria in spiaggia è un’esperienza che tutti dovrebbero fare almeno una volta nella vita).

visitare Taormina durante una vacanza in Sicilia

Giugno e settembre sono due mesi ottimi per fare le vacanze in Sicilia, non solo per una questione di affollamento più limitato ma anche per la temperatura, calda ma non afosa e ventilata. Qualche acquazzone può sempre capitare, specie a settembre, ma sono fenomeni che di solito durano poco. Il mare di settembre, poi, è indescrivibile: calmo, piatto, caldo e, soprattutto, poco frequentato. 
Anche luglio potrebbe andar bene se non soffrite troppo le alte temperature: in Sicilia a luglio, solitamente, fa più caldo che ad agosto, però non c’è la stessa confusione.
Maggio è un altro ottimo periodo per visitare la Sicilia, specie se capita di avere una temperatura che rimane sui 25-26 gradi di giorno ma che scende parecchio di sera. Non posso assicurarvi nulla circa la temperatura del mare: io, essendo iper freddolosa, difficilmente riesco a tuffarmi in un periodo che non sia quello estivo. A maggio vedrete comunque tanta gente che fa il bagno e tantissime persone che prendono il sole e sono già diventate nere (una di quelle tipologie di individui che scatenano da sempre le mie invidie). Dipende tutto da voi e da quanto freddolosi siete.

Tuffarsi nel mare di Favignana durante una vacanza in Sicilia

Vacanza in Sicilia al mare

Bus, auto o treno? Il modo migliore per visitare la Sicilia

A meno che non decidiate di concedervi un on the road in auto lungo tutta l’Italia io vi consiglio di cominciare la vostra vacanza in Sicilia arrivandoci in aereo. E tenete a mente che il mese di agosto non è dei migliori neanche per quanto riguarda i prezzi dei voli che, per quel periodo, salgono vertiginosamente. Ripercorrendo i miei 14 anni da fuorisede credo infatti di non aver mai speso meno di 250 euro per andare a Catania in aereo nel mese di agosto. Ma tutto dipende da dove partite, dove decidete di atterrare, se fate scalo e quanto tempo prima prenotate (di solito io prenoto tre mesi prima ma in ogni caso è difficile trovare qualcosa sotto i 250 euro).
Una volta arrivati, il modo migliore per esplorare la Sicilia è in automobile. Potrete noleggiarne una direttamente in aeroporto. 
Se non volete noleggiare l’auto non affidatevi ai treni. Semmai, date un’occhiata alle compagnie di bus di linea che collegano tra loro le principali città (vi segnalo Sais, Etna Trasporti e Interbus, ma ce ne sono anche altre). Tenete presente però che, rispetto a un’auto, i bus ci impiegano di più a compiere qualunque tragitto.
Per i collegamenti con le Eolie, Ustica e le Egadi avete l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda traghetti e aliscafi. Se andate in agosto, però, vi consiglio di acquistare il vostro biglietto in anticipo sul sito.
Infine, un consiglio per i guidatori che noleggeranno un’auto e che non hanno mai guidato in Sicilia: se prevedete di macinare chilometri durante il mese di agosto armatevi di tanta santa pazienza, specie quando dovrete affrontare le file ai caselli autostradali. Ma anche una buona dose di attenzione mentre si guida nel traffico dei centri urbani non guasta.

Visitare Catania durante una vacanza in Sicilia

Cosa vedere in Sicilia: un paio di itinerari

Andiamo con ordine. Prima di tutto poniamoci la domanda “Quanto tempo occorre fermarsi per una vacanza in Sicilia?”. La risposta non è affatto semplice.
Per girare per bene la Sicilia da Nord a Sud, o da Est a Ovest, ci vorrebbe almeno un mese. Non solo perché parliamo di un territorio abbastanza vasto ma proprio per la gran quantità di cose da vedere.
Ora, se scegliete di girarla in lungo e in largo da Palermo a Catania, passando per il trapanese, il ragusano e le isole minori, concedendovi anche lunghe ore di sole e relax in spiaggia dovreste considerare minimo tre settimane. 
In due settimane bisogna escludere per forza qualcosa ma si fa comunque un bell’itinerario.
Se invece avete solo una settimana di tempo vi consiglio di dedicarvi solo a una zona. 
Ad esempio potreste optare per un giro della costa est tra Catania e Siracusa. Qui di seguito trovate tutti i post che ho scritto al riguardo:

Vacanza in Sicilia nei dintorni di Siracusa

Oppure, sempre in una settimana potreste scegliere di visitare la costa ovest tra Palermo e Trapani. Non ne ho ancora mai scritto ma alcune delle tappe potrebbero essere:

  • Palermo
  • Cefalù (si trova andando non verso Trapani ma verso Messina. Ma è un borgo marinaro troppo bello, una volta che arrivate a Palermo non potete assolutamente perderlo).
  • Tonnara e spiaggia di Scopello
  • Riserva dello Zingaro
  • San Vito lo Capo (a settembre ci fanno il festival del cous cous ma è carino da visitare tutto l’anno).
  • Erice
  • Trapani
  • Favignana e le altre isole Egadi (i traghetti partono da Trapani e potreste pensare di fare andata e ritorno anche in giornata come ho fatto io anni fa).

Visitare Palermo e dintorni durante una vacanza in Sicilia

Un’altra idea su cosa visitare in Sicilia nell’arco di una settimana potrebbe essere il territorio di Ragusa e dintorni, ossia il giro che farò io la prossima estate. Le tappe che vorrei compiere sono:

  • Ragusa
  • Modica
  • Scicli
  • Castello di Donnafugata
  • Le spiagge di Marina di Ragusa e Punta Secca (a casa del commissario Montalbano, per intenderci)
  • Ispica
  • Qualche borgo un po’ più distante come Monterosso Almo e Palazzolo Acreide (quest’ultimo si trova in provincia di Siracusa).

vacanza in Sicilia a Ragusa e dintorni

Ovviamente di itinerari da fare in Sicilia ce ne sono tanti altri.
Potreste pensare a un giro da Catania a Messina includendo anche una puntatina alle isole Eolie. In questo caso non dovete assolutamente dimenticare di fare un salto a Taormina, Castelmola (un borgo bellissimo che si trova a pochi chilometri di distanza da Taormina e che consiglio sempre di visitare) e di trascorrere una giornata diversa e divertente alle Gole dell’Alcantara.
Ancora, altra idea: in due settimane, potreste partire da Palermo e fare tutta la costa ovest (Egadi comprese) e scendere fino ad arrivare nell’agrigentino (a proposito: la Valle dei Templi è bellissima da visitare anche in notturna. Cosa che con il caldo dei mesi estivi non guasta). 
Se invece avete solo un weekend a disposizione per la vostra vacanza in Sicilia potete visitare giusto una città e le sue spiagge.
A proposito di spiagge, qui trovate il mio post sulle spiagge più belle della Sicilia orientale

Faraglioni di Acitrezza da vedere durante una vacanza in Sicilia

Vacanza in Sicilia a Scala dei Turchi

La Sicilia, da qualunque parte la guardiate, è splendida. Specie le zone costiere. Ma anche i territori interni hanno il loro fascino. Avete solo l’imbarazzo della scelta. Potrei star qui delle ore a consigliarvi su cosa vedere durante il vostro viaggio in Sicilia. Facciamo che se volete consigli più dettagliati sugli itinerari da compiere mi scrivete un commento a questo post?

Alcuni piatti tipici siciliani da assaggiare durante una vacanza in Sicilia

Innanzitutto, vi anticipo che mi è appena balenata in mente l’idea di scrivere presto un post dedicato ai piatti tipici siciliani da assaggiare durante un viaggio in Sicilia. Lo troverete prossimamente su questi schermi.
Anche in cucina la Sicilia è differente. Non c’è niente da fare. Mettetevi in testa che, da una vacanza in Sicilia, che ci stiate una, due o mille settimane, tornerete sempre con qualche chiletto in più. Rassegnatevi, è così.
Una volta lì dovrete impegnarvi ad assaggiare tutto. Senza esclusione di colpi. In Sicilia si mangia di tutto: dai dolci e i gelati ai primi di pesce e di carne fino ai secondi (sempre di pesce e di carne), i formaggi, la frutta e la verdura. Per non parlare di vini, amari e rosoli. E mi raccomando, non dimenticate di assaggiare il pane. E la rosticceria (per intenderci: arancini, pizzette, cartocciate e co).
Mangerete bene ovunque, dal panificio al ristorante. Io vi consiglio di fuggire dai locali più turistici (li riconoscete: sono quelli tutti simili fra loro che espongono i menu con le stesse foto dei piatti e gli stessi prezzi) e rifugiarvi nelle trattorie. Più rustiche vi sembrano e meglio mangerete, garantito. Ottimi prezzi e porzioni abbondanti (i siciliani in materia di cibo sono particolarmente generosi).
Ma, ripeto, specie per i pasti veloci vanno benissimo anche bar e panifici.
Se dovete necessariamente fare una selezione dei piatti da provare, come nel caso in cui vi fermiate in Sicilia solo un paio di giorni, vi consiglio di dare la priorità ai primi e ai secondi piatti a base di pesce. Non ve li scorderete mai più. E metteteci anche un arancino, dai.
Se andrete a Catania siete agevolati: ho scritto un post proprio sulle cinque esperienze culinarie più tipiche che potrete fare in quella zona.

Piatti da provare durante una vacanza in Sicilia

Dolci siciliani da provare durante una vacanza in Sicilia

Spero di aver reso l’idea. Nel caso abbiate ancora qualche dubbio organizzativo e vogliate chiedermi consigli più specifici lasciate un commento a questo post e sarò più che felice di aiutarvi.
Non mi resta che augurarvi tante esperienze irripetibili nella mia splendida terra. Sarà un viaggio stupendo che non dimenticherete mai più. E non vedrete l’ora di organizzare il prossimo per poterci ritornare.
Buon divertimento!

21 Comments
  • pikaciccio
    Posted at 15:07h, 29 maggio Rispondi

    visitato Palermo …. prossima tappa Catania ….

  • Se puoi sognarlo, puoi farlo
    Posted at 22:07h, 29 maggio Rispondi

    Ho visitato Catania, Siracusa e Agrigento… tutte stupende! Per non parlare del cibo…prelibatezze ovunque, sia se ami il salato che il dolce, caschi sempre bene! ♡ Ricordo ancora un gelato a Siracusa alla crema di ricotta… che bontà! 😀 Stupenda la Sicilia. 🙂

  • Pietrolley
    Posted at 07:24h, 30 maggio Rispondi

    Ero stato a Licata anni e anni fa!
    Mi piacerebbe tornarci più avanti.. ho letto ottime cose su Siracusa! ?

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 09:33h, 31 maggio Rispondi

      È proprio bella, merita un sacco. E anche i suoi dintorni, sia quelli costieri e sia quelli più interni come Noto ?

  • Celeste - *BeRightBack
    Posted at 09:24h, 30 maggio Rispondi

    Sono molti anni che non torno in Sicilia, ma da piccola ci andavo sempre. In agosto. Credo che la mia intolleranza al caldo venga da lì! Credo di avere ancora gli incubi. Il mio babbo è di Alcamo, provincia di Trapani, e buona parte dei parenti ci abitano ancora, la zona è veramente un sogno!
    Purtroppo non ho visto altro, ma mi piacerebbe visitare Catania e dintorni un giorno.

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 09:37h, 31 maggio Rispondi

      Spero proprio che tu riesca a organizzarti ? . La zona.del trapanese è fantastica, il mare lì è incredibile. E da quello che ho notato le ultime volte che sono andata mi sembra che sia anche meno affollata di altre coste (persino ad agosto) ?

  • Silvia - The Food Traveler
    Posted at 11:29h, 30 maggio Rispondi

    Sono stata in Sicilia qualche anno fa nel periodo di maggio: caldo ma non torrido, con la temperatura giusta per girare senza sentirsi male. Posti bellissimi, dove spero di tornare presto.

  • modellounicoblog
    Posted at 06:56h, 05 giugno Rispondi

    Quasi in partenza per Favignana, uno dei miei posti preferiti nel mondo 🙂

  • Simone
    Posted at 14:39h, 05 giugno Rispondi

    Partirò per un tour della Sicilia fra 15 giorni e farò proprio il giro che suggerisci tu, da Palermo a Trapani e poi giù giù fino a Ragusa. Ti aggiornerò. 😉

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 14:43h, 05 giugno Rispondi

      Che bello, Simone! Allora devi aggiornarmi per forza 🙂 Aspetto tue notizie. Buon divertimento e salutami la mia isola 🙂

  • Cosa mangiare a Catania: cinque esperienze culinarie da fare per sentirsi un vero catanese | Alla fine di un viaggio
    Posted at 11:53h, 09 giugno Rispondi

    […] avervi consigliato su come organizzare una vacanza in Sicilia senza rischiare di impazzire e su cosa vedere a Catania qualora decideste di inserirla nel vostro […]

  • Cinque on the road da fare in Europa | Alla fine di un viaggio
    Posted at 17:30h, 16 giugno Rispondi

    […] due viste però a puntate. Poi possiamo ampiamente discutere anche di un eventuale on the road in Sicilia che non ho mai fatto ma, essendo la mia terra, è come […]

  • Visitare Catania: ecco perché ne vale la pena | Alla fine di un viaggio
    Posted at 17:13h, 03 agosto Rispondi

    […] Come organizzare una vacanza in Sicilia (con i consigli di una siciliana) […]

  • Come organizzare una vacanza in Sicilia (con i consigli di una siciliana) — Alla fine di un viaggio – Blog Sicily
    Posted at 00:40h, 12 agosto Rispondi

    […] via Come organizzare una vacanza in Sicilia (con i consigli di una siciliana) — Alla fine di un viaggi… […]

  • Alessia
    Posted at 14:41h, 04 aprile Rispondi

    Eccomi qui, desiderosa di informazioni pratiche e suggerimenti perché dal 21 al25 aprile saremo a Catania. Abbiamo affittato un appartamento in centro e una macchina. Credo visiteremo Catania, Taormina e Siracusa, a grandi linee. Mi segno Castelmola, non lo avevo mai sentito. Se hai qualche indirizzo di buon ristorante, specie di pesce, fammi un fischio 😉 Grazie per questo articolo Velia, un saluto!

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 14:51h, 04 aprile Rispondi

      Ciao Alessia 🙂
      Che bello che andrete proprio nella mia Catania… Sono curiosa di sapere se ti piacerà e come vi troverete.
      Per quanto riguarda il cibo, tieniti pronta perché proprio la prossima settimana ho in previsione di pubblicare un post su ristoranti e pizzerie 😀
      Castelmola la raccomando sempre. Anche perché è proprio vicino a Taormina e ne vale la pena già solo per il panorama stupendo sul golfo. Ah, ricordatevi di passare dal Bar Turrisi per un bicchiere di vino alla mandorla (ma lì si può anche cenare).
      Seguirò il vostro viaggio! A presto!

  • Alessia Ricciardi
    Posted at 15:10h, 05 aprile Rispondi

    Non me lo perderò di certo! 😉 Grazie e a presto!

Post A Comment

Pin It on Pinterest

Share This