Parco avventura Cerwood in Emilia-romagna

Parco Avventura Cerwood: divertimento assicurato per grandi e piccini

Forse al titolo del mio post dovrei aggiungere una parola: “divertimento assicurato per grandi e piccini CORAGGIOSI”. Sì perché io, che non sono proprio la quinta essenza dell’intraprendenza quando si tratta di affrontare prove fisiche, la scorsa domenica al Parco Avventura Cerwood ho rivestito solo il ruolo di accompagnatrice e fotografa ufficiale (del mio compagno, non del parco). La verità è che avevo già sperimentato i percorsi di un parco avventura in Sicilia, anni fa; e niente da fare, altezze e prodezze non fanno per me. Il mio compagno quarantenne, però, al Cerwood si è divertito come un bambino, tra lanci con le tirolesi e attraversamenti di minuscole passerelle sospese tra gli alberi. E come lui anche le centinaia di persone di tutte le età che salivano e scendevano dai percorsi proposti dal parco avventura come se non avessero fatto altro nella loro vita fino a quel momento. Beati voi, sappiate che vi invidio un po’.

Percorsi per adulti al parco avventura cerwood

La cosa più bella di posti come il Parco Avventura Cerwood, secondo me, è il valore che danno all’esperienza. All’esperienza condivisa, che sia con mamma e papà o con i migliori amici. All’esperienza con la E maiuscola, completamente a contatto con una natura splendida e per una volta senza computer e telefonini. Solo tu, il tuo coraggio e la tua concentrazione. E un po’ di forza fisica, quella di certo non guasta. “E” come “esperienza” ma anche come “entusiasmo”. E posso assicurarvi che in posti come Cerwood l’entusiasmo degli altri è contagioso e palpabile.

Per cui, anche se mi sono rifiutata di arrampicarmi e in pratica non ho fatto altro che camminare e scattare foto, quel giorno sono stata davvero bene. La natura e la buona compagnia già da soli sono elementi potentissimi.

Cosa fare al Parco Avventura Cerwood

Vi lascio una breve panoramica delle varie attività che potrete svolgere una volta varcato l’ingresso del parco. E badate bene che questo post non contiene marchette e non nasce in alcun modo come collaborazione: vi racconto del Cerwood per il puro piacere di farlo, per dare un’idea su come trascorrere una giornata diversa dal solito e poi perché, come ho già scritto, in quel parco sono stata benissimo. 

Una volta arrivati al Cerwood, dirigetevi alle casse e pagate le attività con le quali intendete mettere alla prova il vostro coraggio e la vostra abilità di arrampicatori. Non siete obbligati a scegliere cosa fare tutto in una volta, potete tornare alle casse successivamente nell’arco della giornata (noi abbiamo fatto così).

Il fulcro delle attività proposte dal parco Cerwood risiede nei percorsi avventura: questi prevedono arrampicate, lanci e camminamenti tra gli alberi. Gli adulti e i ragazzi potranno scegliere tra 27 percorsi, i bambini tra 11. I percorsi per adulti prevedono diversi livelli di difficoltà dal facile all’impossibile. Ovviamente, nulla è lasciato al caso: bambini e adulti, prima di dare il via alle danze, sono tenuti ad ascoltare attentamente le istruzioni dei ragazzi del team di Cerwood, a indossare il caschetto e l’imbracatura e a imparare a usare i moschettoni. Non bisogna per forza svolgere tutti i percorsi, si può anche decidere di affrontarne solo uno o di ripetere sempre lo stesso. L’importante è ricordarsi di avere a disposizione tre ore (le altre attività del parco non hanno limiti di tempo).

Percorsi avventura al parco avventura cerwood

Non finisce qui: come se arrampicarsi sugli alberi o lanciarsi con le tirolesi non fosse già abbastanza, i più coraggiosi potranno optare anche per il salto nel vuoto da 18 metri d’altezza o misurarsi con le pareti d’arrampicata.

Chi, come me quel giorno, non fosse tanto intenzionato a cimentarsi con i percorsi avventura potrà scegliere tra altre attività: il tiro con l’arco, ad esempio, oppure il minigolf, un po’ di trekking nel verde e ancora tanto altro. 

Gli affamati e gli assetati troveranno pane per i loro denti assieme a svariate cose da bere e da mangiare nel bar ristorante del parco.

I più pigri, infine, potranno anche non fare nulla di tutto questo e restare sdraiati sul prato per tutto il giorno; non pagheranno un euro, l’ingresso al parco è infatti gratuito.

Quella che nella foto prova a prendere la mira puntando una freccia verso il bersaglio sono io: quel giorno non mi sono arrampicata da nessuna parte, è vero, ma chissà se grazie a quella mini lezione di tiro con l’arco non abbia poggiato la prima pietra di un nuovo percorso che mi incuriosisce e che mi sarebbe sempre piaciuto intraprendere. Vi farò sapere.

Lezione di tiro con l'arco al parco avventura Cerwood

Dove si trova il Parco Avventura Cerwood

Il Cerwood non sarebbe potuto sorgere in una cornice migliore: il parco avventura si trova infatti in località Cervarezza Terme, completamente immerso tra le mille sfumature di verde della porzione reggiana dell’Appennino Tosco-Emiliano (un tratto che è andato a piazzarsi dritto dritto al primo posto nella classifica delle zone “a tutta natura” dell’Emilia-Romagna che preferisco). Un panorama superbo di valli e colline, una palette indefinita di colori dalle quali ogni tanto emerge il campanile di una chiesa o una frazione con poche case. La bellezza.

Il Parco Avventura Cerwood si trova nell'Appennino Tosco-Emiliano

La Pietra di Bismantova vicino il Parco Avventura Cerwood

Cerwood dista circa cinquanta chilometri da Reggio Emilia e solo una ventina dal confine con la Toscana. Una volta da quelle parti, quello che certamente non dovete perdere, nel caso le gambe vi reggano ancora dopo le arrampicate al Parco Avventura Cerwood, è un trekking alla scoperta dei mille sentieri del Parco Nazionale dell’Appenino. Se poi volete incantarvi, recatevi ai piedi della Pietra di Bismantova, nel comune di Castelnovo ne’ Monti, il gigante dal profilo inconfondibile e dalla storia millenaria. Ho visto addirittura qualcuno arrampicarsi lungo le sue pareti lisce e rocciose; inutile dirvi che provo tanta, ma proprio tanta ammirazione per questi eroi. Non temete, però: per godere di un panorama speciale sull’Appennino non è necessario compiere simili imprese, specie se come me non siete fatti per le scalate.

 

Leggi anche

Itinerario di una settimana in Emilia-Romagna

I parchi di Bologna e dintorni

I borghi più belli dell’Emilia-Romagna

Come funziona una Escape Room

No Comments

Post A Comment

Pin It on Pinterest

Share This