i più bei quartieri di bologna

I più bei quartieri di Bologna in cui vivere

Rispetto alla versione precedente di questo post sui quartieri di Bologna più belli da vivere, versione che si caratterizzava per l’abbondare di toni entusiasti e slanci appassionati nei confronti della mia città adottiva, alcune cose sono un po’ cambiate.
Non che non ami più Bologna come prima, questo giammai. Soltanto, nel tempo mi sono resa conto che non è una città perfetta. Specialmente riguardo l’argomento “casa”. E che condivide con altre località italiane i problemi tipici delle grandi città. Anche lei è uno specchio dei nostri tempi, seppur in misura minore rispetto ad altri luoghi.
Forse sono io ad essere cambiata. La prima volta che ho vissuto a Bologna ero una studentessa. Le mie esigenze e le mie priorità oggi sono decisamente diverse da quelle di allora. Per cui, nel post precedente (anzi nei post, erano due) avevo fatto una lista infinita dei quartieri di Bologna nei quali mi sarebbe piaciuto trovare casa; adesso, però, quella lista si è ridotta. E devo questa riduzione soprattutto alla ricerca più che sfiancante di un appartamento che ho condotto in prima persona di recente. Perché sfiancante? Mettiamola così: se sei uno studente non fai troppa fatica a trovare un appartamento in affitto a Bologna; se a cercare invece è una famiglia, o una coppia di lavoratori, la musica cambia.
Uno studente che cerca casa in affitto deve scontrarsi con la concorrenza degli altri studenti fuorisede che cercano una casa da affittare, oltre che con la realtà di appartamenti che molto spesso somigliano più a sgabuzzini inospitali che a focolari accoglienti. Lo sappiamo, purtroppo capita. Molte delle case destinate agli studenti sono più arraffazzonate di quelle destinate agli altri. Gli studenti però si accontentano, gli adulti un po’ meno.

quartieri di bologna in cui cercare casa e vivere
Quando a cercare è una coppia o una famiglia, le difficoltà aumentano. Oltre alla concorrenza con le altre famiglie e coppie che cercano casa come te, devi infatti arrivare indenne alla fine di un lunghissimo percorso a ostacoli che necessita di requisiti come due redditi ben solidi, due contratti a tempo indeterminato ancora più solidi nonché plurimi garanti che possano mettere la mano sul fuoco per te, oltre a disponibilità come almeno tre mensilità di cauzione e fideiussione bancaria ben più consistente.
A tutto questo devi sommare il fatto che la richiesta di appartamenti è nettamente superiore all’offerta; che spesso le case disponibili (e a prezzi più umani) si trovano nelle zone peggiori; e che anche tu hai le tue esigenze e non è detto che ti faccia andare bene qualsiasi appartamento ti propongano.
Chiudo qui la polemica. Dovendo scrivere dei migliori quartieri di Bologna in cui vivere non potevo non farne un accenno. Chiusa la parentesi, riprendo in mano le sviolinate che sono solita dedicare alla mia città adottiva e passo davvero alla lista dei posti più belli in cui mi piacerebbe trovare casa.

Sottolineo una cosa: si tratta di una lista molto personale. Non è detto che quelli che sto per elencare siano i quartieri in cui a chiunque piacerebbe abitare o che siano in assoluto i più vivibili. Chiaro?
Ah, se tra chi mi legge c’è anche qualche futuro studente fuorisede che sta per trasferirsi a Bologna, sappia che ho scritto un post dedicato proprio a lui sulle zone migliori in cui cercare casa in affitto.

Quartiere Mazzini

Non posso non chiamarlo casa, è il quartiere in cui abitavo ai tempi dell’Università e in cui abito anche adesso. Quando mi sono trasferita a Bologna per la seconda volta, tre anni fa, ho scelto di prendere di nuovo casa nel quartiere Mazzini soprattutto perché, pur essendo fuori le mura, qui non mi manca niente. Posso sentirmi al centro di tutto: a breve distanza dai colli, la cui presenza si fa sentire nell’aria limpida che a volte giunge fino al terzo piano, e a quindici minuti in bus dalle due Torri. In mezzo, viali alberati, case signorili e soprattutto lui: il mio amato giardino della Lunetta Gamberini. Il mio polmone pulito, l’oasi felice delle mie camminate, il mio raccoglitore di riflessioni solitarie.
Mazzini è un quartiere tranquillo e piacevole da passeggiare; così piacevole che spesso, con la bella stagione, allungo volentieri il passo fino al centro della città (distanze, non vi temo!).

mazzini tra i quartieri di bologna più belli da vivere

lunetta gamberini in uno dei quartieri di bologna più belli

Quartiere Murri – Toscana

Da Mazzini all’eleganza del quartiere Murri è un attimo: qui i colli sono proprio vicini, ti sembra quasi di poterli toccare. L’aria cambia, sembra già di stare in campagna.
Certo, bus e auto ne circolano, eccome. Ma, credetemi, rispetto al centro, in zona Murri sembra di  ricominciare a respirare sul serio. E, per chi ha voglia di sognare, ci sono le villette nascoste dagli alberi lungo le stradine laterali che salgono verso i colli (chissà se nel mio caso vale il “tutto questo un giorno sarà tuo”. In caso sappiate che mi accontento anche solo di un pezzetto).

Quartiere Saragozza

A proposito di polmoni, mi sposto sul lato ovest della città, nella zona Saragozza. Almeno a livello residenziale credo che questo sia il più bello in assoluto tra i quartieri di Bologna.
Questa zona è figa nel senso letterale del termine, considerata la tipologia di case e villette che la popolano. E la distanza dai colli qui è praticamente annullata, cosa che si nota sia con gli occhi e sia con il naso: la qualità dell’aria da queste parti cambia parecchio. Almeno così pare.
C’è persino un piccolo bosco nel quartiere, ed è il Parco di villa Spada.
Lontano da locali e negozi, Saragozza è il quartiere di chi può permettersi di prendere la città godendosi il verde e tenendosi lontano dalle zone più caotiche, tanto il centro dista solo poche fermate di bus.
Infine, forse non tutti sanno che il quartiere è anche terra di pellegrinaggi: dall’arco del Meloncello partono infatti i portici più lunghi del mondo, quelli che conducono a San Luca (e procedono in salita, mica su una strada dritta). C’è chi li percorre interamente a piedi, io devo ancora trovare il coraggio di farlo. Ma un giorno lo farò, promesso.

Quartiere Santo Stefano – Castiglione

Piazza Santo Stefano è la mia piazza preferita da sempre, e non è solo una questione di estetica. Fantastica a tutte le ore del giorno e della notte, sia con il mercatino dell’antiquariato della domenica mattina e sia con la solitudine delle sere d’inverno.
Io davvero non so quanti chili di chiacchiere abbia fatto, tra le braccia di quella piazza. Quante volte mi sia seduta su quelle pietre, quante foto abbia scattato, quante sigarette abbia fumato assaporandola con gli occhi (per la cronaca: ho smesso da tempo di fumare). Quante serate siano finite lì, semplicemente a raccontarsela tra quei portici e quei sampietrini.
Ho sempre pensato che chi sceglie Piazza Santo Stefano per le sue chiacchiere serali lo fa perché si sente protetto, quel posto dà la sensazione che non possa mai accadere niente di male. Come se la piazza ti costruisse attorno un involucro. Un posto che fai presto a sentire solo tuo anche quando sei circondato da altri. 

piazza santo stefano tra i quartieri più belli di bologna

Ma non c’è solo la piazza. In realtà la zona tra via Santo Stefano e via Castiglione è uno dei più bei quartieri di Bologna. Entrambe le vie partono dal cuore vibrante delle due Torri e si sviluppano lungo edifici colorati e portici tipicamente bolognesi. Ecco, per me, questa zona è tanto Bologna; non le manca niente, compresi i monumenti, i palazzi storici e le piccole piazze. Vivere qui deve essere un’autentica figata. Per non parlare del fatto che se percorri queste due strade fino alla fine, arrivi ai Giardini Margherita, un altro dei miei posti “quattro stagioni”.

Quartiere San Felice

Quello di via San Felice è uno dei quartieri di Bologna centro più serviti e frequentati. E nonostante questo, a me ha sempre dato l’idea di un microcosmo: come fosse un piccolo paese in cui tutti si conoscono e in cui la vita si svolge sempre tra le stesse quattro vie, gli stessi negozi, gli stessi bar. E a proposito di bar, qui basta svoltare l’angolo per ritrovarsi nell’euforia del Pratello, tra birre e osterie, tra chiacchiere e incontri.
Pur essendo centrale, la zona attorno via San Felice è una di quelle parti di Bologna in cui fai la vera vita di quartiere. Ti ritrovi immerso nella quotidianità degli studenti, delle vecchine che si incontrano per strada e si fermano a fare due chiacchiere, dei negozietti di frutta e verdura, delle piccole librerie che espongono sul marciapiede i libri più economici, delle insegne in legno di una volta. Qui quasi quasi rischi di dimenticarti di essere nel centro storico di una delle città più smart di Italia, una di quelle in cui passano tutti e in cui tutti vorrebbero stare.

E lo so bene che vivere in centro ha i suoi pro e i suoi contro, che le abitazioni del centro spesso sono vecchie e poco luminose e che il caos rischia di esaurirti e addio quiete. Però, io il sogno di una casetta nel pieno centro di Bologna, tra portici ed edifici colorati, lo custodisco ancora e probabilmente me lo porterò dietro a vita.

san felice tra i più bei quartieri di bologna

San Lazzaro

Per concludere, uno dei quartieri di Bologna che ritengo in assoluto più vivibile. In realtà, San Lazzaro fa comune a sé pur essendo attaccato alla città. C’è persino un bus urbano (il mitico 19) che li unisce.
Ho imparato ad apprezzare San Lazzaro solo di recente, in occasione della mia ricerca di una nuova casa in affitto. E i motivi per cui non mi dispiacerebbe affatto abitare lì sono diversi: vanno dalla comodità di avere tutti i servizi a portata di mano (non solo quelli di prima necessità ma anche quelli secondari) fino alla facilità dei collegamenti con la città. Dai numerosi spazi verdi (a parte i soliti giardini urbani più o meno grandi di cui Bologna è piena, a poca distanza da San Lazzaro si trova persino un parco immenso, quello dei Gessi e dei Calanchi) al fatto che, per quello che mi è capitato di vedere e sentire, i prezzi degli affitti sono leggermente più abbordabili rispetto a quelli di Bologna. Ma da quest’ultimo punto di vista, chi cerca casa è meglio che si affretti (o che si rassegni).

 

Altri post sull’argomento che potrebbero interessarti

Cosa vedere a Bologna: itinerario del centro storico

10 cose da vedere a Bologna fuori dal centro

Mini guida su dove bere e dove mangiare a Bologna 

Cosa visitare nei dintorni di Bologna

22 Comments
  • wwayne
    Posted at 12:23h, 28 novembre Rispondi

    Visto che condividiamo la passione per i viaggi, ti consiglio caldamente questi splendidi film: https://wwayne.wordpress.com/2014/09/28/i-miei-10-road-movies-preferiti%e2%80%8f/. 🙂

  • Donato Capozzi
    Posted at 13:36h, 28 novembre Rispondi

    Belle foto!

  • Isabel Vacilotto
    Posted at 00:56h, 03 dicembre Rispondi

    Bellissima Bologna! Sono contenta di ritornarci a febbraio! 🙂

  • giorgiadeiuri
    Posted at 10:38h, 29 dicembre Rispondi

    Il titolo del tuo articolo mi ricorda il mio titolo ad un album fotografico…è la sensazione che ci da sempre Bologna…da vivere a 360 gradi…

  • Pistacchi di carta
    Posted at 15:47h, 01 marzo Rispondi

    Quanto mi piace Bologna! Vorrei tanto viverci. Chissà un giorno….

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 16:12h, 01 marzo Rispondi

      Da parte mia avrai tutti i consigli e l’incoraggiamento del mondo se deciderai di trasferirti, sappilo! 🙂

  • Dove vivere a Bologna se sei uno studente fuorisede | Alla fine di un viaggio
    Posted at 18:54h, 29 marzo Rispondi

    […] Ho già scritto varie volte sui miei quartieri preferiti di Bologna: puoi dare un’occhiata qui e qui. Però, sappi che questi post li ho scritti ora che non sono più una studentessa, quindi non è […]

  • Dove vivere a Bologna (prima parte) | Alla fine di un viaggio
    Posted at 18:12h, 11 giugno Rispondi

    […] Ma non finisce qui! Posti fighi da vivere a Bologna ce ne sono a bizzeffe. Non a caso, all’argomento ho successivamente dedicato un altro post dal titolo Dove vivere a Bologna (parte 2) […]

  • Quartieri da vivere in Europa e in Italia | Alla fine di un viaggio
    Posted at 16:49h, 13 giugno Rispondi

    […] Mi sono detta: prima o poi devo farlo! Fermo restando che credo di abitare in una delle zone più comode e funzionali della città (che, tra parentesi, è la stessa dove ho abitato anche da studente e siccome quella volta mi ero trovata bene, ci sono tornata anche stavolta), prima o poi vorrei davvero una casa sotto i portici che tanto adoro. Perché? Per i colori degli edifici, innanzitutto. E per la comodità di poter raggiungere in poco tempo a piedi sia la vita del Pratello e sia quella di via Mascarella. E per la vicinanza alle botteghe storiche dove, anche se non compri, è sempre bello poter passare. E perché mi piacciono i negozi di artigianato, quelli equo solidali e quelli di accessori vintage. E perché mi piacerebbe tanto, prima o poi, fumarmi la sigaretta della sera su un balcone con vista Torri o, meglio ancora, con vista su piazza Santo Stefano, che è uno dei luoghi ai quali sono più affezionata, quando di sera in inverno si svuota e restano pochi reduci a chiacchierare seduti sul marciapiede. Se vi va di dare un’occhiata, ai miei quartieri preferiti di Bologna ho dedicato ben due post: Dove vivere a Bologna (prima parte) e Dove vivere a Bologna (parte 2). […]

  • Slim
    Posted at 16:28h, 09 gennaio Rispondi

    Mi manca terribilmente Bologna, ci ho lavorato un anno e mi sono trovato alla grande in tutti i suoi contesti. I bolognesi sono delle grandi persone,ospitali e cordiali all’inverosimile. Io ho vissuto in zona fossolo e adoravo farmi i miei 20/25 minuti di camminata ed arrivare sotto le torri. Mi hai fatto venire una nostalgia che non ti dico con queste foto :-))
    Spero un giorno di tornarci e magari viverci nuovamente, anche se trovare casa non è semplice.

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 16:33h, 09 gennaio Rispondi

      Ciao Simone 🙂 Mi ricordi tantissimo me anni fa, quando ho lasciato Bologna per trasferirmi a Milano. Convivevo con una nostalgia fortissima che poi mi ha spinto a tornare qui tre anni fa.
      Auguro anche a te di fare ritorno, prima o poi 🙂
      E sì, purtroppo la questione “casa” è parecchio complicata. Ma riparliamone fra qualche mese, per scaramanzia 😉 A presto

Post A Comment

Pin It on Pinterest

Share This