musei di milano

15 musei di Milano da visitare per gli appassionati di arte (e non solo)

Milano corre, Milano all’avanguardia, a Milano accade tutto e prima che in qualsiasi altro luogo (almeno qui in Italia). Ed è vero, è proprio così.
Ho sempre pensato che mostre e grandi eventi riescano molto bene a racchiudere e sintetizzare questo tutto, fornendo costantemente un’idea della vibrante frenesia culturale nella quale la città è avvolta.

Visitare Milano e non approfittare dell’immenso patrimonio racchiuso tra i suoi millemila musei è quasi un delitto. A Milano esistono musei dedicati a qualsiasi tipo di arte o tendenza culturale, il panorama è talmente vasto e attraente che ci vorrebbe un mese per visitarli tutti. E la notizia più bella è che, finalmente, dopo mesi di chiusura, questo patrimonio dal valore inestimabile sta piano piano tornando al servizio delle persone. Un po’ ovunque, ormai, i musei stanno riaprendo. Con le dovute precauzioni e restrizioni, ma stanno riaprendo. Per festeggiare questo lieto evento, ma anche nell’ottica di continuare a sostenere il turismo delle nostre città soprattutto in previsione delle prossime vacanze estive, vi propongo un elenco dei musei di Milano più interessanti da visitare.

Già che ci siamo, vi lascio anche i link alla guida completa su cosa vedere a Milano (oltre ai musei),ai consigli su come trascorrere un weekend milanese e alla mia lista di posti preferiti in cui fermarsi a mangiare.

musei a Milano

I 15 musei di Milano più belli

Pinacoteca di Brera

Tra i musei a Milano è una vera istituzione. E, grazie alla sua immensa collezione, la Pinacoteca di Brera rientra a pieno diritto tra i musei nazionali e internazionali più importanti in assoluto.
Nata verso la fine del Settecento (sebbene sia stata ufficialmente istituita nel 1809), il primo intento a cui doveva rispondere la Pinacoteca di Brera era quello didattico: la fruizione delle opere lì raccolte doveva infatti essere destinata agli studenti dell’Accademia di Belle Arti. Nel tempo, la collezione si è ampliata con le opere provenienti dai territori conquistati e da conventi e ordini religiosi soppressi. Il risultato, oggi, è una raccolta che riassume il genio dei grandi artisti di tutti i tempi: da Tintoretto a Piero della Francesca, da Botticelli a Rubens, da Hayez a Modigliani. Un susseguirsi imperdibile di pietre miliari che hanno fatto la storia.

Castello Sforzesco

Tra i musei di Milano in assoluto più apprezzati dai visitatori vi sono quelli ospitati all’interno del Castello Sforzesco. Che, se vogliamo, già di per sé è un monumento. Il Castello, con il suo cortile interno e l’adiacente Parco Sempione rappresentano un appuntamento fisso per chiunque si fermi in città anche solo per un giorno (e se vi interessa saperlo, si tratta anche di uno dei luoghi milanesi ai quali sono più affezionata).
Le collezioni presenti all’interno del castello sono tante e tutte diverse: si va dal Museo di Arte antica al Museo degli strumenti musicali, dall’imponente collezione della Pinacoteca (che possiede numerosi capolavori della scuola lombarda) al Museo del Mobile. Per finire, imperdibile il Museo della Pietà Rondanini, così come quello dedicato alle Arti Decorative.

Museo del Novecento

Visitando quale museo a Milano potrete fare il pieno dei capolavori del secolo scorso, immergendovi in una delle cornici più suggestive che la città ha da offrire?
Eccoci al Museo del Novecento, nella sua posizione privilegiata su uno dei lati di Piazza Duomo e quasi di fianco alla Cattedrale, dove potrete ammirare una splendida collezione permanente di 400 opere realizzate dai grandi dell’arte italiana del XX secolo. Non solo: ad accogliervi troverete, infatti, anche lo spazio dedicato ad artisti internazionali come Picasso, Kandinsky e Braque. Seguono, poi, le opere risalenti al Futurismo e all’Astrattismo, per continuare con alcuni dei nomi che più di tutti hanno segnato i decenni successivi. Ne cito un paio, giusto per stuzzicarvi: Alberto Burri, Piero Manzoni e Lucio Fontana.

Museo Milano

Palazzo Reale

Mi raccomando, quando verrete in visita a Milano tenete d’occhio il calendario degli eventi in corso a Palazzo Reale: qui, infatti, vengono periodicamente organizzate alcune delle esposizioni temporanee più interessanti e importanti tra quelle in programma in città. Per intenderci, si tratta di quelle mostre per le quali, senza prenotazione, vi trovereste a dover fare anche un paio d’ore di fila. Non a caso, gli allestimenti di Palazzo Reale accolgono ogni anno più di un milione di visitatori.
Eventi ed esposizioni si concentrano sulle correnti, le tendenze e gli artisti fortemente rappresentativi della nostra cultura. Un occhio di riguardo è riservato alla storia dell’arte pittorica e scultorea, ma ampio spazio viene dato anche al design, l’architettura, il cinema e la fotografia. 

GAM Galleria d’Arte Moderna

Tra i musei di Milano, la Galleria d’Arte Moderna è quella che probabilmente vi accoglierà nell’ambientazione più grandiosa. L’esposizione è infatti allestita nelle splendide sale di Villa Reale, edificio realizzato alla fine del Settecento come residenza del Conte di Belgioioso e, ancora oggi, uno dei simboli più importanti del Neoclassicismo milanese.
Mentre il piano terra della villa è dedicato alle mostre temporanee, la collezione permanente si sviluppa tra il primo e il secondo piano: si parte dai neoclassici come Canova, per concentrarsi poi sulla produzione dell’Ottocento e del romanticismo italiano. A questi soggetti, che rappresentano il fulcro dell’esposizione permanente, si uniscono la Collezione Grassi, con opere italiane e straniere degli ultimi sei secoli, e la Collezione Vismara, dedicata invece ai grandi artisti del Novecento (Modigliani, Picasso, Renoir, ecc.). 

Museo della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci

Mettiamo l’arte per un attimo da parte ed entriamo in un’altra istituzione per la cultura meneghina. Questa volta, però, in ambito scientifico. E vedrete che varcando la soglia del Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci farete contenti tanto i grandi quanto i bambini. Questo, grazie alla natura particolarmente didattica e interattiva con la quale sono stati concepiti i diversi ambienti del museo. Scoprirete che ci sarà tanto da imparare per tutti!
Le esposizioni permanenti toccano tutti i temi che la scienza è in grado di concepire: si va dalle tecnologie che regolano i sistemi di trasporto (e intendo tutti i sistemi di trasporto, compresi nave, treno e aereo) alla storia delle telecomunicazioni, dalla fisica delle particelle ai segreti del fotovoltaico, dall’astronomia all’alimentazione. Insomma, ne uscirete da gran sapientoni.

MUDEC – Museo delle Culture

Ecco il museo di Milano che ho frequentato di più negli ultimi anni. Se non altro, perché tutte le volte che di recente ho organizzato un weekend milanese è capitato che fosse in corso al MUDEC – il Museo delle Culture un evento piuttosto in linea con i miei gusti.
Il calendario delle esposizioni temporanee del MUDEC si concentra soprattutto su personaggi, avanguardie e correnti che caratterizzano o hanno caratterizzato l’epoca contemporanea (non solo in Italia).

Interessante anche la mostra permanente, che racconta, attraverso un’imponente collezione di opere d’arte, strumenti e oggetti d’uso quotidiano, le principali occasioni di incontro che si sono susseguite nel tempo tra la cultura occidentale e quella extraeuropea (in particolare quelle dell’estremo Oriente, dell’Africa e del Sudamerica).

musei di Milano da vedere

Museo Poldi Pezzoli

Della straordinaria collezione del Museo Poldi Pezzoli, un altro dei musei di Milano più amati e visitati anche dai milanesi stessi, dobbiamo ringraziare Gian Giacomo Poldi Pezzoli, vissuto nell’Ottocento, che espresse la volontà di mettere al servizio del pubblico la sua casa e tutti gli oggetti che aveva raccolto negli anni.
L’edificio che ospita il museo vale già da solo la visita: al suo interno è tutto un susseguirsi di ambienti sfarzosi, stucchi barocchi e sale riccamente arredate e decorate. Le collezioni permanenti abbracciano numerosi ambiti, quali, ad esempio, la ceramica, la pittura, la scultura, la grafica, l’archeologia e l’oreficeria.
Per la sua rilevanza a livello artistico e culturale, il Museo Poldi Pezzoli rientra in diversi circuiti istituzionali, come quello delle Case Museo di Milano e come il circuito europeo del Collezionismo.

Villa Necchi Campiglio

Che ne direste di visitare una dimora storica nel cuore di Milano? A proposito del circuito delle Case Museo, ecco, infatti, la splendida Villa Necchi Campiglio. Di proprietà del Fondo per l’Ambiente Italiano, la villa mantiene intatta ancora oggi l’atmosfera delle abitazioni nobiliari degli inizi del Novecento. Di quelle abitazioni, Villa Necchi Campiglio riprende anche la struttura, con la zona notte al piano superiore e quella giorno al piano inferiore. I proprietari, che appartenevano alla ricca borghesia milanese, vollero però in qualche modo distinguersi rispetto ai canoni dell’epoca e riservarono ampio spazio agli ambienti destinati agli ospiti. Oltre agli arredi (non tutti originali) e alla bellezza delle camere, è sicuramente da ammirare il giardino che circonda la villa quasi isolandola dal resto della città.
Non solo, la ricca dimora è stata, infatti, ulteriormente impreziosita dall’acquisizione di alcune collezioni private: la collezione Claudia Gian Ferrari, con dipinti del Novecento, e la collezione De’ Micheli, dedicata invece al XVIII secolo.

Triennale Design Museum

Appassionati del design a rapporto! Tra i musei milanesi non potete assolutamente lasciarvi scappare quello che per molti è considerato il tempio del design allo stato puro, così come una delle principali istituzioni culturali della città: la Triennale. La collezione permanente racconta la storia del design italiano in oltre 1500 oggetti (troverete di tutto: dagli abiti agli arredi, ai più disparati oggetti d’uso quotidiano).
Il design è il protagonista incontrastato anche dei tantissimi eventi, incontri, laboratori ed esposizioni temporanee di cui il calendario della Triennale abbonda. Tuttavia, nonostante il design regni sovrano, il programma di mostre e appuntamenti mira a dare spazio e rappresentazione anche agli altri linguaggi della contemporaneità.

Casa delle Arti Spazio Alda Merini

Lasciamo un attimo da parte ampie sale e ambienti altisonanti ed entriamo in punta di piedi in uno spazio piccolo, privato, intimo. Immerso nel cuore chiassoso dei Navigli si trova questo piccolo angolo colmo di ricordi e poesia. Al n. 32 di via Magolfa si apre, infatti, la Casa delle Arti Spazio Alda Merini, con la ricostruzione della stanza appartenuta a una delle voci di Milano più grandi di tutti i tempi. Gestita dall’associazione La Casa delle Artiste, la Stanza di Alda riporta arredi e oggetti appartenuti alla poetessa milanese, così come alcune fotografie che la ritraggono e tanti pezzi della sua incredibile vita e delle persone che ha amato.

Museo Civico di Storia Naturale

Siete in cerca di musei di Milano per bambini? Bussate alla porta del Museo di Storia Naturale e avrete quello che fa per voi. Ma vi assicuro che si divertiranno anche gli adulti.
Situato in uno dei giardini pubblici più belli della città, nello splendido quartiere di Porta Venezia, il museo vi emozionerà facendovi rivivere l’epoca dei dinosauri. Nello spazio di oltre 5.000 metri quadrati vi racconterà la storia dell’evoluzione a partire dai fossili e passando per discipline come la Mineralogia e la Zoologia. Esplorerete il mondo dei vertebrati, degli invertebrati, gli ecosistemi marini e i diversi ambienti naturali presenti sulla terra. Insomma, una vera e propria iniezione di vita e di natura, perfetta per trascorrere un pomeriggio divertente e istruttivo in famiglia.

quali musei di milano visitare

Fondazione Prada

La Fondazione Prada, nata nel 1993 per volere di Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, è un’istituzione votata alla promozione della cultura e dell’arte contemporanea. Non a caso, le sue sedi (che si trovano a Milano e Venezia) ospitano da quasi vent’anni eventi e allestimenti dedicati ad artisti e personaggi internazionali di fama mondiale.
La nuova sede milanese è stata inaugurata da pochi anni in uno dei quartieri storicamente industriali della città e rappresenta un meraviglioso esempio di ristrutturazione architettonica di un edificio preesistente (che un tempo era una distilleria).

Fabbrica del Vapore

A proposito di ex aree industriali, ecco la Fabbrica del Vapore, non un museo ma uno spazio multifunzionale sviluppatosi negli ambienti di quella che, dalla fine dell’Ottocento e fino alla metà del Novecento, è stata un’azienda di produzione, riparazione e vendita di materiali per ferrovie e tram. Situata in una delle mie zone preferite di Milano, nonché più interessanti della città (alle spalle di Chinatown, a pochi passi dal Cimitero Monumentale e a breve distanza dal quartiere Isola), la Fabbrica del Vapore oggi lascia ampie possibilità alla creatività e al know how di chi desidera organizzare eventi, mostre e manifestazioni culturali all’interno dei suoi ampi spazi.

Museo San Siro

Tra i musei di Milano da visitare non posso non riservare uno spazio allo sport più amato dai nostri conterranei, la cui storia ha contribuito (almeno in parte) a rendere grande la città. Al Museo San Siro, gli amanti del pallone potranno compiere un vero e proprio viaggio nel passato e nel presente del calcio: in compagnia di una guida esperta rivivranno, infatti, le emozioni delle partite più belle, ammireranno le maglie degli eroi che sono entrati nella storia e visiteranno gli spogliatoi e gli altri ambienti solitamente destinati ai giocatori. Infine, giungeranno anche sul campo di gioco, da dove godranno di una prospettiva decisamente privilegiata.

Se vuoi organizzare un break in una delle città italiane più belle potrebbero tornarti utili le mie guide su Cosa vedere a Venezia in un giorno, Cosa fare a Torino in un weekend, cosa vedere in centro a Bologna e cosa visitare a Roma in tre giorni. Spulcia per bene il blog e troverai tante altre mete e idee 😉

2 Comments
  • Sara
    Posted at 17:39h, 18 Giugno Rispondi

    Adoro Milano, ha una varietà di musei e di arte incredibile!
    Sono felice di aver visto la maggior parte dei musei che hai elencato ma mi manca la Fondazione Prada, non ho ancora avuto l’occasione di visitarla!

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 18:22h, 18 Giugno Rispondi

      E non è mica finita qui, avrei dovuto inserirne altri! 🙂
      Grazie per avermi letto, Sara! A presto

Post A Comment

Pin It on Pinterest

Share This