córdoba cosa vedere

Cordoba, cosa vedere nella città più moresca dell’Andalusia

Cordoba: cosa vedere in un gioiello di poco più di 300.000 anime, incastonato tra Sierre e Parchi Naturali dell’Andalusia.
Distante dalla costa di Malaga circa 160 km, l’aria del mare non la sfiora minimamente. Raggiungere Cordoba in Spagna ad agosto (come ho fatto io) significa infatti dover scendere a patti con l’afa che non perdona e non dà tregua neanche nelle ore notturne. E significa rassegnarsi all’idea di una sudorazione perenne senza via d’uscita. Ma sarete ripagati, non temete. Oppure, semplicemente, scegliete un altro periodo dell’anno per visitarla.
La piccola città tutta bianca e super caliente è stata la seconda tappa del mio viaggio on the road in Andalusia, dopo Siviglia e prima di Granada.

cordoba cosa vedere nella città andalusa

córdoba andalusia cosa vedere

 

Cordoba cosa vedere 

La Mezquita di Cordoba

I miei consigli su cosa vedere a Cordoba in due giorni non possono che partire dal luogo simbolo della grandezza e dello splendore culturale della città andalusa: la Mezquita. Che poi è anche uno dei luoghi che più mi è rimasto impresso del mio viaggio in Andalusia.
Varcando la soglia della Mezquita si ha la sensazione di trovarsi in un sogno: immersi nella ciclicità continua di archi e colonne ci si sente spaesati (dove inizia la Cattedrale? E dove finisce?) e al tempo stesso incantati dai dettagli illuminati dai pochi raggi di luce che filtrano all’interno del tempio. Ma su tutto prevale la fascinazione per un’architettura araba incredibile e mai, dico mai, banale.
Ci si emoziona follemente, lì dentro. Si ha la sensazione di trovarsi davanti a qualcosa di così grande che risulta persino difficile credere che sia stato concepito dall’essere umano. Anche in presenza dei turisti, quello che fa più rumore all’interno della Mezquita di Cordoba è il silenzio assoluto che permea uno spazio e un tempo sempre uguali e sempre fermi.

cordoba cosa vedere se non l'incredibile mezquita araba

cordoba cosa vedere se non l'interno della bellissima moschea

cordoba cosa vedere nella città del sud della spagna

L’Alcázar de los Reyes Cristianos

Se vi dico che Cordoba mi è sembrata la città più moresca tra quelle che ho visitato in Andalusia un motivo ci sarà. Anzi, visitando l’Alcázar de los Reyes Cristianos di motivi ne scoverete molti. Da questo punto di vista il sud della Spagna mi ha abituato troppo bene: palazzi colmi di stile, dettagli e memorie arabeggianti. Mosaici colorati. Giardini immensi pieni di fiori e decorati da fontane spettacolari sempre pronte a zampillare. Ampi spazi nei quali perdersi passeggiando con calma, senza fretta e senza meta, tanto qualcosa di bello lo si troverà sicuramente.
Tutto pienamente garantito anche all’interno dello splendido Alcazar di Cordoba.

cordoba cosa vedere in un paio di giorni

La Juderia, il quartiere ebraico di Cordoba

Cordoba è un posto nel quale vale davvero la pena perdersi, girovagare senza meta per scoprire piccole piazze e abitazioni chiuse da graziose porticine colorate e incorniciate da vasi sempreverdi. Quello che si respira, passeggiando per la Juderia, il vecchio quartiere ebraico di Cordoba è ancora una volta il suo legame con la cultura araba.
Uno splendore nascosto, che va un po’ cercato ma che, quando ce lo si ritrova davanti agli occhi, lascia perdutamente incantati. 
Un centro storico raccolto, un labirinto di vicoli e callejas dal bianco lucente che, poco per volta, svela i suoi tanti tesori, primi fra tutti i caratteristici patios, fioriti e non. Ma da scoprire c’è anche la Sinagoga e la piccola Calle de las Floras, un passaggio stretto in cui i fiori vi accompagneranno fino a un cortile abbellito da altri fiori e vasi colorati. Una chicca per gli amanti di Instagram, ovviamente.

cordoba cosa vedere tra le strade della juderia

córdoba cosa vedere in un giorno

Sinagoga

I suggerimenti su cosa vedere a Cordoba proseguono quindi con la Sinagoga, che si trova, appunto, nel cuore della Juderia.

La Sinagoga di Cordoba è una delle tre sinagoghe superstiti della Spagna (le altre due si trovano a Toledo, cittadina bellissima e poco distante da Madrid che prima o poi riuscirò a visitare). Nella sua lunga storia (risale ai primi anni del Trecento), la Sinagoga di Cordoba è stata di tutto: una chiesa, un ospedale e infine un museo di proprietà dello stato. Se amate lo stile Mudéjar tipico dell’Andalusia, all’interno dell’edificio ne avrete in abbondanza. La Sinagoga non è grandissima ed è un po’ nascosta, vi si accede da un cortiletto.

cordoba spagna cosa vedere

Calle de las Flores

Tra le cose da vedere a Córdoba non perdete la minuscola Calle de las Flores, che incontrerete sempre vagando per la Juderia. Come dicevo un paio di paragrafi fa, è un vicolo strettissimo in cui lo spazio più grande è riservato ai fiori colorati e profumatissimi che ne decorano le pareti. In realtà, di fiori ne vedrete tanti per il centro storico di Cordoba. Spesso, sono il dettaglio più bello, assieme alle porte delle case.

córdoba cosa vedere calle de las flores

La Casa Andalusì

Tra i suggerimenti su cosa vedere a Cordoba voglio svelarvi un altro segreto nascosto tra le callejas bianche della Juderia. Casa Andalusì è una piccola casa museo che mostra e racconta la tipica abitazione araba. Con tanto di patio porticato abbellito dalle piante e abitato dalle tartarughe che passeggiano indisturbate. Girovagando tra le stanze della casa e scovando mobili, suppellettili e accessori autentici ripercorrerete la storia, la cultura e le tradizioni che hanno caratterizzato questa piccola perla dell’Andalusia.

cordoba cosa vedere se non la tipica abitazione araba

Il Puente Romano di Cordoba

Infine, trovandovi a passeggiare per Cordoba cosa vedere se non un altro dei simboli architettonici più distintivi del panorama della città? Esatto, intendo proprio il Puente Romano, il passaggio di quasi 250 metri risalente alla dominazione romana della città e costruito sul fiume Guadalquivir.
Osservando Cordoba dall’alto, dalla terrazza della Torre della Calahorra, la fortezza di origine musulmana costruita per proteggere il Puente, la città sembra quasi disabitata, immobile, avvolta solo dalla sua calura. Appare come fosse dentro un dipinto, baciata da una luce sempre abbagliante che sembra non voler tramontare mai. Eh sì, visitare Cordoba in agosto può voler dire combattere con una temperatura che supera tranquillamente i 40 gradi; ma panorami come questo riempiono il cuore e ripagano della fatica.

cordoba cosa vedere se non il famoso puente romano

Torre de la Calahorra 

Se avete pianificato di visitare Cordoba in un giorno vi suggerisco, una volta attraversato il ponte e aver raggiunto la Torre Calahorra, di non limitarvi ad affacciarvi dalla terrazza (che, beninteso, rimane una delle cose più belle da fare in città). Date al Museo delle Tre Culture (altrimenti detto Museo Vivente di al-Andalus) l’attenzione che merita. L’esposizione si articola attraverso diversi ambienti all’interno della torre e racconta la convivenza tra musulmani, ebrei e cristiani ai tempi del regno di Al-Andalus. La storia viene svelata in modo molto interattivo con il supporto di alcuni documentari e facendo riferimento ai protagonisti dell’epoca, ma anche ai monumenti e agli oggetti tipici di uso quotidiano.

cordoba cosa vedere se non il panorama della città dall'alto della torre calahorra

Medina Azahara 

In una guida su cosa vedere a Cordoba non può mancare il riferimento a una città straordinaria. Che fu straordinaria, ma lo fu purtroppo secoli fa e per troppo tempo. La Medina Azahara è uno dei siti archeologici più importanti della Spagna. Rimasta sepolta a lungo, gli scavi condotti all’inizio del Novecento ne hanno portato alla luce solo una piccola parte, tutto sommato sufficiente a ritrarne la grandezza e, soprattutto, lo splendore. La città fu costruita alcuni decenni prima dell’anno 1000 ed era destinata a diventare la capitale del califfato di Cordoba se non fosse stato che, nell’arco di neanche un secolo, venne distrutta e abbandonata.

A vederla sembra una Alhambra in miniatura. Si distinguono ancora i diversi livelli sui quali è stata costruita, con il Palazzo del Califfo nel punto più alto. 

Per visitarla dovrete allontanarvi di alcuni chilometri da Cordoba.

Palazzo de Viana

Cosa visitare a Córdoba se non uno dei palazzi nobiliari più belli della città e di tutta l’Andalusia? Palazzo de Viana, che prende il nome da una famiglia di marchesi che lo ha abitato in passato, è un tuffo nel mondo e nella storia dell’aristocrazia spagnola. I suoi splendidi saloni riportano collezioni di arte, ceramica, mosaici, ma anche arazzi, libri e altri oggetti in uso fra le classi nobili. La sua infinita ricchezza, però, brilla soprattutto nei 12 patii che lo caratterizzano, tutti diversi e tutti incredibili. Sono adornati da piante, alberi, fontane e statue. Attraversare questi ambienti uno dopo l’altro è come compiere un viaggio nell’essenza di Cordoba e scoprire tutti quegli elementi poetici in grado di sintetizzare la bellezza di una città meravigliosa. Sono certa che vi incanterà. 

Plaza de las Tendillas

Cosa fare a Córdoba dopo esser rimasti senza fiato all’interno della Mezquita, aver esplorato ogni più piccolo vicoletto della Juderia e aver fotografato ogni vaso fiorito? Semplice, basta lasciare momentaneamente l’atmosfera fiabesca del centro storico e tuffarsi nella Cordoba più moderna e vivace. A partire da questa piazza aperta e luminosa, Plaza de las Tendillas, il cui nome, celebrando le vecchie botteghe di un tempo, è votato all’anima commerciale che da sempre la contraddistingue. Oltre a fare shopping, potrete fermarvi per un aperitivo o un pranzo in uno dei tanti locali della zona. Vedrete qualcosa di molto diverso da quello a cui Cordoba vi ha abituato finora ma non vi dispiacerà.

cordoba cosa vedere plaza de las tendidas

Tempio Romano 

Ve lo dicevo io che visitare Córdoba, in Andalusia, equivale ad attraversare tutte le epoche storiche. Dopo infinite testimonianze di origine musulmana ed ebraica, volevate non trovare anche qualcosa proveniente dagli antichi romani? Eccovi serviti: nella piazza del Municipio, a poca distanza da Plaza de las Tendillas, ciò che rimane di un Tempio Romano che, un tempo, deve anche esser stato di notevoli dimensioni. Direttamente dal I secolo d.C. 

Potrete osservare le sue immense colonne che svettano verso il cielo da una certa distanza, ma ciò non toglierà neanche un briciolo di valore all’esperienza di trovarselo davanti. 

Plaza de la Corredera

Con l’ultimo consiglio su cosa vedere a Cordoba ci catapultiamo nella sua piazza più bella ed elegante. Se avete già girato un po’ la Spagna, noterete una certa somiglianza con altre piazze, come Plaza Mayor a Madrid e Plaza Nueva a Bilbao. Ma di sicuro ce ne saranno tante altre al pari della sua eleganza e del rigore delle sue forme geometriche. Nei secoli, Plaza de la Corredera ne ha viste di tutti i colori: è stata teatro di brutali esecuzioni prima e di (forse altrettanto brutali) duelli con i tori ma, per fortuna, oggi rappresenta “semplicemente” l’anima più godereccia e modaiola del popolo andaluso. I numerosi locali sotto i suoi splendidi portici ne sono l’allegra testimonianza.

córdoba cosa vedere i patios

Come arrivare a Cordoba

Cordoba si trova quasi al centro dell’Andalusia, posizione che la rende facilmente raggiungibile da qualsiasi località della regione. 

Io ci arrivai in auto da Siviglia. La distanza Siviglia Cordoba non è eccessiva: sono solo 143 i km di autostrada A4 che separano le due città andaluse. Noleggiando un’auto potrete benissimo pianificare una gita in giornata partendo da una delle due. L’ideale, chiaramente, è potersi fermare a Cordoba almeno una notte e avere due giorni pieni per visitarla.

Ottimi anche i collegamenti ferroviari: dalla stazione di Siviglia, i treni per Cordoba sono molto frequenti e impiegano solo 45 minuti a giungere a destinazione. Da Granada le distanze si allungano un pochino e il treno collega le due città in un’ora e mezza. La distanza Cordoba Malaga è invece soltanto di un’ora.

Una valida alternativa sono i bus: spulciate il sito della compagnia ALSA, che è attiva in tutta la Spagna, in cerca di offerte e tragitti. Io ho viaggiato a bordo di una delle loro corriere da Santander a Bilbao A/R e mi sono trovata benissimo.

come arrivare a córdoba andalusia

Una città in cui il tempo sembra essersi fermato a secoli prima, lo sfarzo di un passato glorioso, una storia da ripercorrere tra vicoli, patios, Palacios e cattedrali.
Voglio darvi ancora un consiglio: dopo aver studiato cosa vedere a Cordoba, programmate di fermarvi più di un giorno in questa piccola ma al tempo stesso immensa città della Spagna del sud. Perdetevi tra le strade bianche del suo fascino senza tempo, assaporatene i colori, la luce, scopritene la storia. Non resterete delusi.

Se anche voi, come me, siete innamorati persi della Spagna, vi suggerisco la mia guida su cosa vedere nella meravigliosa Valencia o nella vivacissima Bilbao. Cercate mete alternative e sempre soleggiate? Vi propongo un viaggio a Lisbona, Napoli, Porto o alla scoperta della Sicilia Orientale.

 

3 Comments
  • Beatrice
    Posted at 21:46h, 14 Dicembre Rispondi

    In terza superiore siamo andati in gita a Granada, città che ricordo meravigliosa!
    Da quel giorno mi è venuta voglia di visitare anche Cordoba, ma purtroppo non ho più avuto l’occasione. Da come la descrivi e dalle magnifiche foto sembra davvero bellissima!!

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 21:51h, 14 Dicembre Rispondi

      Ciao Beatrice, ti consiglio davvero di farci un salto (non ad agosto, però :D). Bellissima anche Granada! E’ stata la mia terza tappa del giro andaluso

  • Visitare Granada, l’Andalusia da non perdere | Alla fine di un viaggio
    Posted at 12:30h, 15 Marzo Rispondi

    […] aver fatto tappa a Siviglia e a Cordoba, arrivare a Granada è stato come fare di nuovo un salto dentro la civiltà, dentro le vie […]

Post A Comment

Pin It on Pinterest

Share This