città da visitare in Italia

Dieci piccole città da visitare in Italia in un giorno

Probabilmente, se fossi straniera, di visitare l’Italia non mi stancherei mai. Da Nord a Sud. Dal mare alla pianura, dall’Appennino alle Dolomiti.
In realtà neanche da italiana mi stanco; è solo che, chissà come mai, noi italiani spesso tendiamo a snobbarlo, il nostro stivale. E preferiamo volare all’estero.
Per fortuna, negli ultimi tempi, complice il mio trasferimento a Bologna che sembra riuscire ad accorciare abbastanza bene le distanze con le altre città italiane meritevoli di una visita, sto riscoprendo il piacere di esplorare gli immediati dintorni. Ho girato tanto in Emilia Romagna, nella Toscana e nelle Marche, soprattutto. E la posizione privilegiata di Bologna fa sì che le località raggiungibili in poco tempo siano tantissime. E tantissimi sono i posti belli perfetti per essere visti in una o mezza giornata. E non parlo solo dei grandi centri, visto che abbiamo la fortuna di avere un patrimonio urbano sconfinato che si compone anche di piccole città e di borghi.
E allora oggi provo a darvi qualche idea per il weekend che si sta avvicinando (e anche per i prossimi) con una mia personalissima lista di dieci piccole città da visitare in Italia in un giorno soltanto.

Noto (Siracusa)

Lo so, con la Sicilia gioco e vinco facile. Avrei potuto elencare anche solo dieci piccole città siciliane da visitare in un giorno e non escludo di farlo in futuro.
Se avete voglia di mangiare con gli occhi e toccare con mano cosa sia il Barocco siciliano di cui tanto si parla dovete raggiungere Noto. Una bellezza che vi accecherà. E non parlo solo della famosa Cattedrale.
Se andate in primavera, poi, alla luce chiara e accecante dei palazzi del centro storico potrete accostare i mille colori dei fiori celebrati durante l’Infiorata.
Se poi volete fare un giro nei dintorni potete trovare qualche idea nel post Siracusa e dintorni: a sud del sud.

Orvieto (Terni)

Impossibile non includerla in un lista che conti le piccole città da visitare in Italia in un giorno.
Ho rivisto Orvieto sotto l’afa di luglio a distanza di anni. L’ho trovata interessante più che mai. Il suo spessore va ben oltre la facciata del bellissimo Duomo: il suo fascino scava infatti nei misteriosi sotterranei della città, attraversa i vicoli pieni di botteghe e angoli segreti, vola dall’alto del campanile per farsi osservare da lontano in tutto il suo splendore.
Probabilmente una delle perle più preziose del nostro centro Italia.
Se adesso state morendo dalla voglia di saperne di più leggete qui: Cosa vedere a Orvieto e dintorni.

città da visitare in Italia Orvieto

Gorizia 

Ah, il Nordest che tanto amo. E Gorizia in me ha sempre esercitato un forte fascino. Sarà per quel suo essere così al limite di tutto, così lontana, così di confine.
Una piccola Vienna più solitaria e meno esplorata rispetto alla sua sorella marittima, Trieste.
Anche lei, come Trieste, immersa nel panorama infinito del Carso dalla terra rossa. E circondata da piccole città, castelli, sacrari. Scolpita nella storia degli italiani come degli austriaci, degli sloveni, degli ungheresi. 
Qualche riflessione su Gorizia la trovate qui: Cosa vedere in Friuli Venezia Giulia. Ma prometto di scriverne ancora.

Lucca

Tra le città belle da visitare in Italia sempre e comunque, indipendentemente che si tratti di un elenco di località piccole o di centri immensi. Lucca vale sempre la pena.
È un’altra delle mie riscoperte recenti e l’ho trovata ancora più bella di quanto non ricordassi. Signorile quanto basta, decadente al punto giusto. Elegante e romantica nella passeggiata sulle mura antiche. Piena di percorsi storici e culturali da fare invidia a qualsiasi città grande. Se potete fermatevi a Lucca anche più di un giorno, la Toscana è bella da vivere con calma.
Qualche idea la trovate qui: Visitare Lucca in un giorno.

città da visitare in Italia Lucca

Ferrara

Altra città a me molto cara. Una delle sorprese inaspettate della mia vita dal momento che, e non l’avrei mai detto, da alcuni anni Ferrara per me vuol dire famiglia.
La inserisco tra le città da visitare in Italia in un giorno ma in realtà, se potete, regalatele più tempo. Il centro è piccolo, è vero. Ma Ferrara va esplorata a piedi (o in bici) e con calma, anche al di là dei monumenti e delle piazze principali. Per giungere davanti all’immensa Certosa, ad esempio. O tra i sentieri del Parco fuori dalle mura, capace di rapire in ogni stagione. O, ancora, per giungere alle splendide Oasi del Delta del Po. Sui dintorni poi ci sarebbe ancora tanto altro da dire. Intanto, se vi va di leggere le mie riflessioni ferraresi potete trovarle qui: Visitare Ferrara, perché ne vale la pena.

Urbino

Altra scoperta recente. Altra perla del centro, altro posto impossibile da non inserire tra le città da visitare in Italia. Urbino, che tra le sue salite e le discese nasconde la storia, la cultura e le vite di personaggi indimenticabili.
Una bellezza adagiata sulle colline marchigiane che farà breccia tra i vostri sogni di viaggiatore. Specie se la osserverete in tutto il suo splendore dalla Fortezza Albornoz e lei, da lontano, bella più che mai, ricambierà il vostro sguardo ammiccando.
Ne ho parlato qui: Urbino in un giorno.

città da visitare in Italia Urbino

Cividale (Udine)

Ancora il Friuli Venezia Giulia, stavolta nelle vesti di una piccola città della provincia di Udine. Cividale, per me una delle località più belle dell’intera regione. 
L’immagine che ho scelto di inserire in questo post è quella che ho più impressa nei ricordi, che poi è la prima con la quale Cividale mi ha accolta al suo interno: il Ponte del Diavolo sul fiume Natisone. Il piccolo cammino che separa il centro di origine longobarda dalla periferia.
Ah, consiglio gastronomico: da quelle parti assaggiate il Frico. Mi ringrazierete.

città da visitare in Italia Cividale

Mantova

A Mantova lego il ricordo felice di uno dei tanti (ma comunque sempre troppo pochi) giri fatti assieme alla mia migliore amica. Beccammo una giornata tutto sommato luminosa, fatta esclusione per qualche nuvolone di passaggio. Scoprimmo una Lombardia da incorniciare, una sorpresa per me che all’epoca cercavo ogni possibile scusa per fuggire da Milano. 
Il centro, bellissimo, è quasi una penisola sul fiume. Ricordo i palazzi monumentali, la Piazza delle Erbe e i giardini del Castello, dove io e la mia amica scattammo foto fino a sfinire le fotocamere. E ricordo la lunga pausa che ci siamo concesse in una panchina del grande giardino affacciato sul Mincio, prima di salire sul treno del ritorno che avrebbe riportato me a Milano e lei a Bologna. Lo sguardo fisso sul fiume che in realtà lì è un lago, un mare di chiacchiere ancora da fare e nessuna, proprio nessuna, voglia di separarsi.

città da visitare in Italia Mantova

Cefalù (Palermo)

Del perché Cefalù vada inserita in un elenco di piccole città da visitare in Italia si spiega in modo molto semplice: perché è uno dei paesini più belli in assoluto della Sicilia. 
Al di là del mare in sé, che è ovviamente indescrivibile, a far sognare è il modo in cui lo stesso mare abbraccia dolcemente il piccolo centro storico che sembra volerglisi gettare incontro.
Sedetevi su una delle panchine della marina, restate fermi a guardare lo spettacolo che vi trovate davanti e poi ditemi se non è vero. È quell’immagine, quella simbiosi poetica tra golfo e terraferma che a me ha rapito quando ho visitato Cefalù la scorsa estate. Quel qualcosa tipico dei paesini di mare della Sicilia e che non smette di brillare mai, in agosto come in gennaio.
Il mio racconto di Cefalù lo trovate qui: Visitare Cefalù, il borgo arabo-normanno sul mare.

città da visitare in Italia Cefalù

Pavia 

Pavia, tanto vivace e giovane quanto avvolta nella nebbia. Bellissimo il centro storico che, oltre a monumenti, chiese e negozi di livello, offre uno spaccato di vita studentesca tra collegi universitari, bar e locali. Il suo punto forte, però, soprattutto quando il sole salta fuori, resta sempre e comunque il Ticino, con il suo grande parco e il Ponte coperto. Altro luogo di ricordi dolci e potenti al tempo stesso, di chiacchiere sul più e sul meno e di timide passeggiate mano nella mano. Le prime passeggiate. I primi ricordi di una storia che, già da neonata, sembrava promettere un futuro a colori.
Indimenticabili i paesini dell’Oltrepò. Ma anche Pavia merita che le dedichi al più presto un post tutto suo.

4 Comments
  • Giulia
    Posted at 00:45h, 28 gennaio Rispondi

    Da friulana non sai quanto mi faccia piacere vedere che hai inserito ben due località della mia regione e sono felice che il frico ti sia piaciuto! ?
    Per il resto mi hai dato davvero degli ottimi spunti!

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 10:49h, 31 gennaio Rispondi

      Grazie, Giulia! Ne avete così tante di città belle, da quelle parti 🙂

  • Emanuele Peruselli
    Posted at 19:42h, 01 febbraio Rispondi

    Grazie mille per aver citato Pavia, città poco conosciuta. Una volta mi sono sentito dire che è in provincia di Milano, eppure è una delle province italiane storiche, esiste sin dal 1859. Vicino a Pavia si trova la Certosa con il famoso monumento funebre (vuoto) costruito per Ludovico il Moro e Beatrice d’Este. In provincia si trova Vigevano con la sua piazza Ducale di impronta rinascimentale e che è stata teatro di uno spot televisivo negli anni ’90. (Anche Pavia lo fu).
    Emanuele P.

    • Alla fine di un viaggio
      Posted at 10:38h, 02 febbraio Rispondi

      Ciao Emanuele, grazie per aver commentato il mio post 🙂 Di Pavia ho dei ricordi molto cari. Tra l’altro ho avuto modo di viverla in tutte le stagioni e devo dire che in primavera ed estate, in quanto a vita, ha poco da invidiare ad altri centri più grossi.
      Bella la Certosa e belli anche i dintorni. Purtroppo non ho mai visitato Vigevano, ma so che è un gioiello. Passa una buona giornata!

Post A Comment

Pin It on Pinterest

Share This